"Nella salute e nella malattia". La formula del rito nuziale sembra essere stata presa alla lettera da due anziani coniugi di Conegliano. Lo stesso giorno, infatti, sono stati ricoverati al Ca’ Foncello di Treviso con identica patologia e, nei giorni seguenti, sono stati sottoposti a uguale intervento di Cardiochirurgia pressoché contemporaneamente e con decorso del tutto simile. Ora sono ancora degenti nel reparto diretto dal dottor Giuseppe Minniti (nella foto sotto)  dove dividono la stessa stanza a due letti e sono prossimi al trasferimento all'ospedale riabilitativo di Motta di Livenza.

Lo scorso luglio, marito e moglie coneglianesi, rispettivamente di 81 e 79 anni, si sono rivolti al reparto di Cardiochirurgia trevigiano per alcuni disturbi. A raccontare la singolarità della situazione è il direttore dell’unità operativa Giuseppe Minniti. "Curiosamente – spiega il chirurgo – erano affetti dalla stessa patologia: prolasso mitralico con rigurgito severo, di pressoché uguale rilevanza clinica. Richiedevano, quindi, di essere sottoposti al medesimo intervento per la riparazione della valvola mitralica e negli stessi tempi".

Conegliano ulss minniti

La situazione insolita ha richiesto di organizzare tutto sostenendo l’equilibrio di coppia dei due anziani e favorendo i familiari, chiamati a una doppia assistenza, oltre che a una doppia comprensibile apprensione. "Nei tempi utili – prosegue Minniti – abbiamo programmato tutti gli esami preparatori a Conegliano nella loro Cardiologia di riferimento, di seguito il ricovero a Treviso in una stanza a due letti con bagno tutta per loro. Abbiamo fissato l’intervento per entrambi nello stesso giorno, uno di seguito all’altro. Le operazioni di riparazione delle valvole cardiache si sono concluse con successo, utilizzando tutto materiale tissutale autologo".

"Dopo il necessario breve periodo in terapia intensiva, sono ritornati nella loro camera doppia ed a giorni potranno iniziare la riabilitazione - continua - Siamo soddisfatti per il successo clinico ma anche per quello umano. Sono una bellissima coppia, tanto legata; sarebbe stato un errore non mantenere il più possibile il loro equilibrio e il loro affiatamento. Siano certi che così abbiamo sostenuto anche le esigenze dei familiari, come ci ha confermato la gratitudine che hanno espresso".

"Mi congratulo con il dottor Giuseppe Minniti e tutti i suoi collaboratori della Cardiochirurgia: medici, infermieri e operatori – sottolinea il direttore generale Francesco Benazzi - L’eccellenza clinica è stata sostenuta da un’eccezionale capacità di andare incontro ai pazienti ed alla loro famiglia: questa è vera umanizzazione. L’umanizzazione che non si accontenta di ambienti confortevoli e servizi di qualità ma mette la persona realmente al centro dell’attività e della programmazione; in questo caso una coppia, che meritava tutte le nostre attenzioni".

(Fonte: Ulss 2).
(Foto: web).
#Qdpnews.it