facebookQdp   twitterQdp   youtubeQdp   instagramQdp   rssQdp   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 392 36 84 152   whatsappQdp
martedì 22 agosto 2017 - ORE 09:03
giweather joomla module

Qdpnews.it

Categoria: Conegliano


Si è conclusa ieri la 33esima edizione della Dama Vivente, organizzata dall’associazione "Dama Castellana", che ha visto in centro storico a Conegliano numeroso pubblico, nonostante le alte temperature che hanno caratterizzato sabato 17 e domenica 18 giugno.

In queste giornate si è svolto il Festival Rinascimentale diffuso che ha invaso tutto il centro storico di Conegliano con l’allegria e la spensieratezza che vigeva nel Cinquecento, con l’eleganza e la bellezza degli abiti dell’epoca. Durante queste due giornate ci sono stati più di 30 spettacoli al giorno, con trampoli, mangiafuoco, animali rapaci e numerosi altri artisti, pensati per i più grandi ma anche per i più piccini, che hanno divertito i passanti regalando attimi di gioia e di storia.

Momento clou  delle due giornate è stata la partita di Dama Vivente, svoltasi domenica 18 dalle ore 18.15, nella quale si sono sfidati i quartieri di Parè e Collalbrigo che rappresentavano sogno e realtà. Il tema di questa 33esima edizione era infatti “un viaggio tra sogno e realtà”: protagonista della storia un uomo moderno che, in un proprio sogno, viene trasportato in un’osteria coneglianese del Cinquecento, tra popolani, armigeri e commensali. Piano piano vengono presentati i signori coneglianesi, tra i quali Laura, la Dama di Piazza di questa edizione, e i signori dall’estero. E man mano che prosegue la storia, ecco comparire Francesco Da Collo, ambasciatore coneglianese, William Skakespeare, la Regina di Cipro e molti altri personaggi storici, che, realmente o per leggenda, hanno visitato la nostra amata città.

Conegliano Dama 2 Premiazioni2017

Tra queste apparizioni ecco arrivare l’agognata lotta tra il sogno e la realtà, tra il bisogno di essere realisti e quello di essere rapiti dalla fantasia. Il sogno era difeso dalla locandiera dell’osteria e da Carlo Goldon, arrivato nel sogno durante la scrittura della sua commedia ed impersonificato sulla damiera dai tarocchi e dagli sbandieratori, che rappresentavano il quartiere di Parè. La realtà, invece, era comandata dal nostro povero uomo moderno e dalle pedine composte dagli armigeri e dai tamburi, che hanno giocato per il quartiere di Collalbrigo. E’ stata una partita che ha tenuto tutti con il fiuto sospeso e che ha rivelato solo alla fine il vincitore, ovvero il sogno, grazie a una mossa finale che ha lasciato tutti a bocca aperta.

Vincitore quindi il quartiere di Parè, capitanato da Celestino Boem e rappresentato nella vera finale a Dama da Giorgio Cassiani, che è stato premiato dal sindaco di Conegliano, Fabio Chies, e dalla presidente dell’associazione Anna Maria Gasparini. Secondo classificato il quartiere di Collalbrigo, capitanato da Diego Padoin e rappresentato dal giocatore Denis De Stefani.

Orgogliosi e felici del risultato la presidente dell’associazione Dama Castellana, Anna Maria Gasparini, che ha ringraziato tutti i figuranti, il comitato direttivo e la regista dell’evento, Francesca Zava. Francesca è stata supportata da Irene Cutifani, Massimiliano Rumore, Silvio Pasqualetto, Irene Botteon, l’accademia teatrale “Lorenzo Da Ponte”, la compagnia teatrale “The Red Theatre” e la scuola di danza "Movements Ballet Studio" di Lorenza Trentin.

Conegliano Dama Partita2017

(Fonte e foto: Associazione Dama Castellana).
#Qdpnews.it

  Qdpnews.it è un progetto Dplay Srls. CHI SIAMO COLLEGAMENTI FOLLOW US UTILITÀ
 

Direttore responsabile Glauco Zuan
Piazza Vittorio Emanuele II, 5
31053 Pieve di Soligo (TV)
® Riproduzione Riservata

> Chi siamo

> Privacy policy

> Cookie Policy

> Contatti

 

> Lettere alla redazione

> Pubblicità sul sito

> Codice di autoregolamentazione

> Amministrazione

 

> Facebook

> Youtube

> Google Plus

> Twitter

 

> Alimentazione e Informazione

> In montagna con ... Giovanni Carraro

> Farmacie di turno

> Pediatra ... in famiglia