Ha generato un certo entusiasmo la notizia della ripresa del progetto di realizzazione di una piazza Carducci, idea caldeggiata soprattutto in seguito agli esiti positivi delle iniziative del Natale di Conegliano, quando via Carducci è stata chiusa al traffico.

 

Paiono tutti concordi nel sostenere un progetto dalla portata innovativa e in grado di conferire alla città un nuovo aspetto e a tal proposito si sono espressi anche quanti vivono da vicino la questione della viabilità per il lavoro che svolgono: i tassisti.


Alessandro Andreetta (nella foto), presidente del consorzio per la gestione del radiotaxi a Conegliano, ha tracciato un bilancio del Natale coneglianese in termini di viabilità e si è espresso in relazione al progetto di piazza Carducci: "Non possiamo nascondere che sicuramente la chiusura di 15 giorni di via Carducci ha causato qualche problema, ovvero una situazione di imbottigliamento per noi e per tutti, che di solito avviene una volta alla settimana con il mercato rionale. Per noi si sono allungati i tempi di lavoro e ci sono stati disagi alla clientela, ma è vero che non si possono avere entrambe le cose".


"Per quanto riguarda il progetto di piazza Carducci - ha proseguito Andreetta - sicuramente è una bella cosa, ma bisogna prima concludere via Vespucci, in modo da avere una strada di scorrimento veloce. Il progetto, comunque, decreterebbe l'inizio di un cambiamento per la città, con la creazione di uno scenario che non si trova da nessun'altra parte e che sarebbe un beneficio per gli stessi negozianti. Si darebbe l'avvio a dei grossi cambiamenti, perché bisogna modernizzarsi sempre e basta poco per attivare una città così importante anche dal punto di vista economico. Quindi siamo d'accordo alla chiusura della via per la realizzazione della piazza, ma con la conclusione del percorso alternativo di via Vespucci".

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it