meteoQdp
domenica 17 dicembre 2017 - ORE 09:08
facebookQdp   twitterQdp   youtubeQdp   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   +39 392 3684152whatsappQdp   farmacieQdp

Qdpnews.it

Comune di Pieve di Soligo -


 

Chiamato in causa dal consigliere comunale Mattia Gai, del gruppo misto Forza Pieve, in merito alla realizzazione dell'ospedale di comunità del Quartier del Piave, il vice sindaco di Pieve di Soligo, Gianfranco Sech, chiarisce ulteriormente alcuni punti. Di seguito riceviamo e pubblichiamo la sua risposta a Gai:

La prima cosa importante: tutte le amministrazioni del Quartier del Piave (maggioranze e opposizioni) devono essere coese nella difesa dei nostri servizi socio-sanitari e in questo caso dell’ospedale di comunità.

Ho avuto modo di partecipare alle riunioni sul tema cui sono stato convocato, ma quello che è importante ai passaggi decisivi hanno partecipato tutti i sindaci del Quartier del Piave: in nessuno di questi appuntamenti è stato comunicato che l’ospedale di comunità del Quartier del Piave con i suoi 20 posti era stato cancellato dalla Programmazione Regionale.

Poiché mi tengo informato, ho avuto modo di leggere la deliberazione della giunta regionale 1714-2017 (quella in cui non compare più l'ospedale di Comunità del Quartier del Piave): mi sembrava un’enormità e quindi l’ho consegnata alla stampa il 24 novembre.

La seconda cosa importante è che abbiamo l'occasione di precisare che l'ospedale di comunità con i suoi 20 posti letto è ben distinto dalla casa di riposo (pur nelle sinergie positive e di reciproco vantaggio che ci saranno nello stabile di Soligo) e qui di seguito le rimetto l'intervento del Direttore Benazzi che lo spiega bene: "Per quanto concerne, invece, l’ospedale di comunità la normativa prevede chiaramente che essi vengano collocati, in via prioritaria, in strutture dell’Ulss e che siano a gestione diretta - prosegue Benazzi - Per realizzare la struttura prevista a Soligo dobbiamo, quindi, attendere che rientrino nella nostra disponibilità gli spazi attualmente concessi, in comodato d’uso, al Bon Bozzolla. Una volta ultimati i lavori di ristrutturazione da parte di quest’ultimo, potremo collocare, nell’ala est del fabbricato, i venti posti letto dell’ospedale di comunità”.

La terza cosa importante è che commetterebbe un delitto chi, per fini di bottega, si mettesse di traverso a una battaglia che è di tutti per la tutela dei nostri servizi e in questo caso anche dell’ospedale di comunità del Quartier del Piave. So che tutti i sindaci sono coesi nella difesa dei servizi socio-sanitari. In attesa però degli impegni formali e dei fatti concreti (lo ripeto consigliere Gai: legga la recente deliberazione di giunta regionale dove il nostro ospedale non compare più), è positivo che Ulss e Regione abbiano, dopo le dichiarazioni da lei citate, confermato gli impegni sul Quartier del Piave e Vallata del Soligo (in particolare Medicina di gruppo, poliambulatori di base e ospedale di comunità).

È vero come dice ancora Benazzi che "Nella sede Ulss di Pieve di Soligo sono in corso i lavori per accogliere la Medicina di gruppo integrata, accanto ai poliambulatori e al dipartimento di Prevenzione" ... ma come dicevo, dobbiamo avere impegni chiari su tutto ed essere vigili e coesi nel difendere gli interessi dei cittadini che rappresentiamo.

Gianfranco Sech
Vice sindaco di Pieve di Soligo

 

 
  Qdpnews.it è un progetto Dplay Srls. CHI SIAMO COLLEGAMENTI FOLLOW US UTILITÀ
 

Direttore responsabile Gianluca Renosto
Piazza Vittorio Emanuele II, 5
31053 Pieve di Soligo (TV)
® Riproduzione Riservata

> Chi siamo

> Privacy policy

> Cookie Policy

> Contatti

 

> Lettere alla redazione

> Pubblicità sul sito

> Codice di autoregolamentazione

> Amministrazione

 

> Facebook

> Youtube

> Google Plus

> Twitter

 

> Cerco adozione

> Farmacie di turno