facebookQdp   twitterQdp   youtubeQdp   instagramQdp   rssQdp   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 392 36 84 152   whatsappQdp
venerdì 21 luglio 2017 - ORE 20:53
giweather joomla module

Qdpnews.it

Categoria: Treviso


Oltre 300 richieste di certificazioni di cui 200 circa per l’anticipo pensionistico. Sono scaduti ieri i termini per la presentazione delle domande di pensione anticipata per i lavoratori precoci e per la cosiddetta Ape sociale. Il patronato Inas Cisl di Treviso ha inviato all'Inps 319 richieste di cui 200 circa solo di Ape. Attenzione però: la scadenza, per chi matura i requisiti nel 2017, è il 30 novembre 2017.

L'invito di Michela Fuser, responsabile dell'Inas territoriale di Treviso, è dunque di rivolgersi agli uffici del patronato Inas Cisl (sette le sedi nella Marca) per verificare con precisione la situazione. “L'affluenza in queste settimane è stata sicuramente maggiore rispetto al numero di certificazioni presentate - spiega Fuser - In molti speravano di rientrare nei precoci facendo riferimento solamente ai 41 anni di lavoro di cui uno entro il diciannovesimo anno di età, senza considerare purtroppo che era necessario avere anche un terzo requisito: essere disoccupato; assistere un familiare convivente con disabilità grave; avere un’invalidità civile riconosciuta pari o superiore al 74% oppure svolgere lavori gravosi o usuranti”.

La responsabile del patronato Inas Cisl ricorda inoltre che l'Ape sociale è sperimentale fino al 31 dicembre 2018, mentre la normativa sui lavoratori precoci è una legge strutturale senza scadenza. Può richiedere l’Ape chi ha cessato l’attività lavorativa, non è titolare di trattamento pensionistico diretto, ha compiuto almeno 63 anni di età e si trova in una delle seguenti condizioni: è in possesso di almeno 30 anni di contributi, è disoccupato ed ha concluso da almeno 3 mesi la fruizione della disoccupazione; è in possesso di almeno 30 anni di contributi e, al momento della richiesta, assiste da almeno 6 mesi il coniuge, la persona in unione civile o un parente di 1° grado, convivente, con handicap grave; è in possesso di almeno 30 anni di contributi e ha un’invalidità civile riconosciuta di grado pari almeno al 74%; è un lavoratore dipendente in possesso di almeno 36 anni di contributi che, alla data della domanda di accesso all’Ape sociale, svolge da almeno 6 anni, in via continuativa, attività gravose.

(Fonte: Cisl Belluno Treviso).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

  Qdpnews.it è un progetto Dplay Srls. CHI SIAMO COLLEGAMENTI FOLLOW US UTILITÀ
 

Direttore responsabile Glauco Zuan
Piazza Vittorio Emanuele II, 5
31053 Pieve di Soligo (TV)
® Riproduzione Riservata

> Chi siamo

> Privacy policy

> Cookie Policy

> Contatti

 

> Lettere alla redazione

> Pubblicità sul sito

> Codice di autoregolamentazione

> Amministrazione

 

> Facebook

> Youtube

> Google Plus

> Twitter

 

> Alimentazione e Informazione

> In montagna con ... Giovanni Carraro

> Farmacie di turno

> Pediatra ... in famiglia