Prosegue l’ondata di maltempo che sta interessando il Veneto dal fine settimana. Il centro funzionale della Protezione civile regionale ha prolungato lo stato di pre-allarme sino a domani, martedì 12 settembre alle ore 18.

Forti piogge e rovesci, frequenti e intensi, interesseranno la fasci alpina e prealpina del veneto, la pianura centro-orientale e in particolare l’area costiera, sino a metà della giornata di domani. Nel pomeriggio-sera i piovaschi risulteranno in attenuazione. Il limite delle precipitazioni nevose si abbassa dai 2.500 ai 2.000 metri.

 

L’allerta del sistema di Protezione civile (codice arancione, vale a dire ‘preallarme’) coinvolge in particolare la rete idraulica secondaria (sistema fognario e canali) delle aree dei bacini dell’Alto Piave e Piave Pedemontano, Alto Bacchiglione, Brenta e Alpone, Alto Garda e Monti Lessini. Basso Piave, Sile e bacino scolante nella laguna, Livenza, Lemene Tagliamento.

Sono possibili anche frane e smottamenti. Codice giallo (cioè stato di attenzione) per il basso Brenta e Bacchiglione, nonchè per il sistema fluviale del Po, Fissero, Tartaro e CanalBianco e del basso Adige.

(Fonte: Regione Veneto).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it