meteoQdp
venerdì 20 ottobre 2017 - ORE 12:29
facebookQdp   twitterQdp   youtubeQdp   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   +39 392 3684152whatsappQdp   farmacieQdp

Qdpnews.it

Categoria: Valdobbiadene


Valdobbiadene mario geronazzo assemblea confraternita 24 1 2009Il nuovo anno si apre con la scomparsa di un tassello fondamentale per la storia e la memoria valdobbiadenese, un personaggio straordinario, grande protagonista del suo tempo e del suo territorio. E’ morto ieri all’età di 93 anni, l’enologo Mario Geronazzo, ultimo dei padri fondatori della Confraternita del Prosecco, oggi denominata Confraternita di Valdobbiadene.

Diplomato alla scuola enologica di Conegliano a pieni voti, nell’immediato dopo guerra ha condotto per anni la distilleria di famiglia, operando successivamente anche in altre realtà nel campo della distillazione e concludendo la sua carriera professionale nel mondo della produzione spumantistica.

Persona generosa e disponibile, preparata ed esperta, pronta a consigliare le giovani generazioni ricoprendo diversi incarichi nelle istituzioni e nelle associazioni. Con gli amici e colleghi Giuliano Bortolomiol, Umberto Bortolotti e Isidoro Brunoro, nel 1946 ideò e costituì l’istituzione protagonista della valorizzazione vitivinicola del territorio dopo il secondo conflitto mondiale. Nell’immediato dopo guerra, quando incombevano sul settore vitivinicolo le minacce dell’esodo e dell’abbandono, proprio i fondatori della Confraternita, infatti, mistero a servizio della comunità la loro esperienza e le loro conoscenze per aiutare gli agricoltori a superare il momento critico.

Oltre all’intuito nell’ideazione di questa storica realtà, Geronazzo era noto per l’appassionata dedizione alla vita associativa e al suo sviluppo: sua la capacità di trasmettere a tutti i Confratelli i principi fondamentali dell’associazione, quali creare e sviluppare rapporti di amicizia, lealtà, solidarietà e rispetto reciproco oltre a favorire l’elevazione culturale e la promozione della cultura enologica.

L’uomo lascia le figlie Clara, Alessandra ed Elisabetta, i generi, i nipoti e il pronipote, insieme a parenti e amici. Domani sera, mercoledì 4 gennaio, alle ore 20, nel duomo di Valdobbiadene, sarà recitato il santo Rosario, mentre il funerale avrà luogo giovedì 5 gennaio alle ore 15 sempre in duomo.

(Fonte: Gianluca Renosto © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

  Qdpnews.it è un progetto Dplay Srls. CHI SIAMO COLLEGAMENTI FOLLOW US UTILITÀ
 

Direttore responsabile Gianluca Renosto
Piazza Vittorio Emanuele II, 5
31053 Pieve di Soligo (TV)
® Riproduzione Riservata

> Chi siamo

> Privacy policy

> Cookie Policy

> Contatti

 

> Lettere alla redazione

> Pubblicità sul sito

> Codice di autoregolamentazione

> Amministrazione

 

> Facebook

> Youtube

> Google Plus

> Twitter

 

> Cerco adozione

> Farmacie di turno