Si è spento dov'è nato, nella "sua" Valdobbiadene. In paese, per la sua viva partecipazione nella comunità, lo conoscevano tutti. E' morto, all'età di 72 anni, Carlo Bolla, padre del consigliere comunale di maggioranza Stefano Bolla. Un tumore l'ha portato via all'affetto dei suoi cari in breve tempo, a nemmeno cinque mesi dall'insorgere della malattia.

Di professione informatico, aveva prestato le sue competenze a numerose aziende del Quartier del Piave e di Valdobbiadene - occupandosi di programmazione, in particolare quella rivolta alla gestione contabile delle cantine - trovando impiego anche alla "Computer" di Conegliano. Un pensiero di cordoglio arriva anche dal sindaco di Valdobbiadene, Luciano Fregonese: "Le mie condoglianze alla famiglia per la prematura scomparsa di Carlo, era un amico: non solo mio, ma di tutti in paese - fa sapere il primo cittadino - A Valdobbiadene era una figura molto conosciuta ed apprezzata: la sua morte lascia un vuoto non solo nella famiglia, ma in tutta la comunità".

Bolla lascia la moglie Franca, i figli Laura con Ivan, Stefano con Marika, le nipoti Emma e Letizia, e i fratelli Enrico, Paolo e Annalisa. Il funerale del 72enne si terrà venerdì 15 settembre, alle ore 15, nel duomo di Valdobbiadene. Il rosario invece sarà recitato giovedì 14 settembre, alle ore 20, sempre nella chiesa del paese. La famiglia, nell'epigrafe, ringrazia fin d'ora quanti parteciperanno alle preghiere di suffragio.

(Fonte: redazione Qdpnews.it).
(Foto: www.lememorie.it).
#Qdpnews.it