meteoQdp
domenica 17 dicembre 2017 - ORE 07:23
facebookQdp   twitterQdp   youtubeQdp   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   +39 392 3684152whatsappQdp   farmacieQdp

Qdpnews.it

Comune di Vidor -


Riparte la Vidori Servizi ambientali. In questi giorni i vertici dell’azienda di trattamento di rifiuti industriali, colpita da un grosso incendio lo scorso 18 agosto, stanno consegnando le ultime carte per ottenere la revoca dell’ordinanza di inagibilità emessa un mese e mezzo fa dal Comune di Vidor.

Il fuoco aveva distrutto circa metà dello stabilimento di via Tittoni, area ancora sottoposta al sequestro giudiziario per via dell’indagine in corso del tribunale sulle cause dell'incendio, mentre la parte scampata alla fiamme potrà ora ricominciare ad operare.


“Domani consegneremo le ultime documentazioni per attestare la sicurezza dello stabilimento ai Vigili del fuoco, poi finalmente potremo ripartire - spiega l’amministratore delegato Filippo Antonello (nella foto) - Venerdì, invece, si terranno gli ultimi sopralluoghi nell’area incendiata da parte dei periti del tribunale, insieme ai nostri, e ci stiamo muovendo per poterne ottenere il dissequestro il più presto possibile. Ci vorrà del tempo, ma poi finalmente potremo iniziare con la messa in sicurezza e la progettazione su come rimettere in funzione anche la parte inagibile”.


Per la Vidori si prospettano dei giorni di grande lavoro, soprattutto per riprendere i contatti con i clienti che hanno dovuto rivolgersi per forze di cose ad altri nel periodo di chiusura forzato. “Siamo rimasti fuori dal mercato per circa 45 giorni - conferma Antonello - Andremo a trovare tutti i nostri clienti e cercheremo di rinsaldare i legami di un tempo. Da parte nostra, nel complesso, esprimiamo ottimismo per il futuro e c’è la volontà di ricominciare il prima possibile”.

 

La notizia è accolta con sollievo anche dagli oltre 30 dipendenti della Vidori che sono rimasti a casa per tutto questo tempo, in attesa di conoscere il loro futuro lavorativo. “Con l’Inps abbiamo concordato il Fondo d’integrazione salariale dei nostri dipendenti per 13 settimane, fino a novembre, che poi probabilmente rinnoveremo. Ora che riapriamo circa una ventina di loro torneranno a percepire lo stipendio intero, mentre gli altri continueranno a ricevere l’assegno di solidarietà, anche se dovessero riprendere a lavorare solo part-time. Il nostro obiettivo, ad ogni modo, è quello di riuscire a reintegrare nel tempo tutti i nostri dipendenti”.

(Fonte: Edoardo Munari © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

 
  Qdpnews.it è un progetto Dplay Srls. CHI SIAMO COLLEGAMENTI FOLLOW US UTILITÀ
 

Direttore responsabile Gianluca Renosto
Piazza Vittorio Emanuele II, 5
31053 Pieve di Soligo (TV)
® Riproduzione Riservata

> Chi siamo

> Privacy policy

> Cookie Policy

> Contatti

 

> Lettere alla redazione

> Pubblicità sul sito

> Codice di autoregolamentazione

> Amministrazione

 

> Facebook

> Youtube

> Google Plus

> Twitter

 

> Cerco adozione

> Farmacie di turno