Aveva raggiunto la vetta del Cornetto, una delle tre cime che svettano sul monte Bondone ad ovest di Trento, ma poi si erano perse le sue tracce. Stefano Marcuzzo, escursionista e maestro di mountain bike 57enne originario di San Fior, ha perso la vita ieri, sabato 16 dicembre 2017, mentre ridiscendeva dal gruppo montuoso trentino.


Il corpo della vittima, dopo l'allarme lanciato per il mancato rientro dell'uomo, è stato rinvenuto attorno alla mezzanotte lungo un canalone della montagna dove si pensa possa essere scivolato a causa della rottura di una lastra di ghiaccio.

Difficili le operazioni di ricerca e recupero a causa delle proibitive condizioni atmosferiche con forti raffiche di vento e una temperatura che nella nottata ha raggiunto i 20 gradi sotto lo zero. Sul posto una squadra del soccorso alpino trentino e dei vigili del fuoco, portati in quota con un gatto delle nevi per poi raggiungere il luogo delle incidente con sci d'alpinismo e ramponi. Nelle operazione di recupero della salma, inoltre, un operatore tecnico del soccorso alpino è scivolato riportando una frattura.

In serata il cordoglio per la scomparsa dell'uomo è arrivato anche dall'associazione sportiva Four Es Racing Team di Cison di Valmarino, di cui Stefano Marcuzzo faceva parte, tramite un post sula pagina Facebook della squadra: "La passione per lo sport ci toglie oggi una persona che è tra gli artefici dell'organizzazione delle manifestazioni ciclistiche che negli ultimi due anni abbiamo proposto a Castelbrando. Da poco più di un anno eri con noi ma le cose fatte assieme con passione non si contano. Riposa in pace caro amico, ora puoi guardare dall'alto quei cieli dove ti piaceva tanto volare".

(Fonte: redazione Qdpnews.it).
(Foto: Four Es Racing Team).
#Qdpnews.it