A margine dell’inaugurazione dell'Antica Fiera di San Gregorio, il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia (nella foto),  difende la candidatura delle colline del Conegliano Valdobbiadene a Patrimonio dell'Umanità.


"C'è qualcuno che tifa affinché il Prosecco e questi Comuni non diventino patrimonio Unesco. È una partita iniziata quando ero Ministro e che difenderò fino alla fine - ha detto Zaia ai microfoni di Qdpnews.it  - Il merito di tutto questo è di chi si spacca la schiena, dobbiamo comunicare in maniera positiva cos'è questo fenomeno: se non ci fossero i viticoltori, le nostre colline sarebbero a valle".

In Veneto sono monitorate 11 mila frane e come ha sottolineato il presidente non ne esiste nemmeno una laddove ci sia un vigneto. "Non è corretto accusare i nostri viticoltori di pratiche eccessive perché sappiamo benissimo qual è l'obiettivo di tutti, ovvero inquinare il meno possibile e seguire un'agricoltura sostenibile - ha aggiunto il presidente - E' corretto, invece, informare i consumatori del fatto che nel mondo c'è chi inquina molto di più dei nostri cosiddetti prosecchisti".

(Fonte: redazione Qdpnews.it).
(Intervista a cura di Gianluca Renosto © Qdpnews.it).
#Qdpnews.it