Stretta al covid, ad Asolo si limita il centro storico: stop a trekking e biciclettate dentro il perimetro cittadino

Salgono oltre la quota di 120 i casi positivi ad Asolo e, considerata questa realtà, il sindaco Migliorini ha lanciato ieri un nuovo appello ai cittadini, nel quale oltre alla suddivisione dei casi si spiegano anche gli sforzi del comune nell’intensificare i servizi a domicilio per chi si trova in quarantena, sviluppati dai servizi sociali con l’operazione “Mai soli a casa” e le manovre limitative applicate al centro storico per prevenire assembramenti.

“Alcuni sono asintomatici, altri vengono seguiti dal medico di base e altri ancora vengono ricoverati, ma ricordiamoci che dietro ogni caso c’è quasi sempre un’intera famiglia” ricorda il sindaco.

“Grazie all’aiuto di alcuni volontari stiamo già seguendo cinque nuclei a una settimana dalla riattivazione del servizio” spiega l’assessore Andrea Canil, che segue la consegna a domicilio di spesa e farmaci per alcune famiglie in quarantena che non hanno altre possibilità. “Per ora la situazione è sotto controllo, ma prevediamo un aumento”.

Alcune variazioni vedranno in particolare, nei prossimi weekend, un forte ridimensionamento delle attività del centro storico: nonostante i provvedimenti già adoperati, essendo ancora una meta ambita da molti turisti e visitatori su due ruote o a piedi, su via Browning e via Canova non sarà consentita la pratica dell’attività sportiva, così come a partire da via Bembo fino a Porta Colmarion.

Oltre a ribadire quanto sia necessario seguire le regole di prevenzione, il primo cittadino ha parlato di supporto ai ristoranti, alle pasticcerie e alle gelaterie e ai bar, che da diverse settimane sono in piena sofferenza: l’invito a consumare pasti d’asporto e a domicilio arriva attraverso un elenco di tutte le attività ristorative della zona, compresi i comuni limitrofi.

La lista indica una certa varietà nella scelta e il comune di Asolo spera di poter permettere così a qualche ristorante di lavorare a regime discreto, nonostante queste limitazioni.

Con l’arrivo di un fine settimana probabilmente privo di precipitazioni, a garantire la sicurezza del centro e prevenire la disubbidienza alle regole saranno le forze dell’ordine, che pattuglieranno spesso le vie del centro. “Forza Asolo” conclude il sindaco, invitando i cittadini a pensarsi coesi nel nome del proprio comune.

 

(Fonte: Luca Vecellio © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport