Bonus TV di massimo 130 euro

La conversione dal digitale terreste ai nuovi standard implica la necessità di acquistare il decoder o un nuovo apparecchio. Questo passaggio è agevolato da 2 bonus cumulabili: il bonus TV-Decoder e il bonus rottamazione TV.

Dal prossimo 15.10.2021 inizierà il progressivo passaggio, che si concluderà poi nel 2022, dalla vecchia televisione digitale terreste al nuovo standard DVB-T2 – HEVC MAIN 10. Questo passaggio, per le televisioni acquistate prima del 22.12.2018, implicherà la necessità di installare un nuovo decoder oppure di cambiare direttamente l’apparecchio televisivo. Vengono quindi forniti diversi incentivi, che si esplicano in uno sconto per l’utente finale sul prezzo di vendita, e per il rivenditore in un credito da utilizzare in compensazione, per agevolare questo passaggio.

A partire dallo scorso 23.08.2021, come si legge sul sito del MISE, nella sezione degli incentivi per il cittadino / Bonus TV, è possibile fruire di uno sconto pari al 20% del prezzo di vendita (quindi imponibile + IVA) al consumatore finale fino a un massimo di 100 euro per l’acquisto di un nuovo televisore o di un decoder (uno di quelli di cui all’elenco del MISE) previa rottamazione del vecchio televisore.

Le modalità di fruizione dello sconto sono disciplinate dal D.M. 5.07.2021 (pubblicato in G.U. 7.08.2021). I requisiti sono:

  • essere residenti in Italia: l’agevolazione è concessa per nucleo familiare, quindi può fruire dello sconto solo 1 familiare, come si legge nella pagina dedicata sul sito del MISE;
  • rottamare correttamente un televisore acquistato prima del 22.12.2018 (tale requisito va autodichiarato tramite l’apposito modulo presente sul sito ) mediante consegna dell’apparecchio al rivenditore o al centro comunale di raccolta RAEE;
  • essere in regola con il pagamento del canone RAI (in bolletta o tramite F24); fanno eccezione i cittadini di età pari o superiore a 75 anni, i quali sono esonerati dal pagamento del canone.

Tale contributo è cumulabile col cosiddetto Bonus TV – Decoder di nuova generazione, di cui al D.M. 18.10.2019, al ricorrere dei requisiti, tra cui fondamentale è un ISEE inferiore a 20.000 euro, oltre che di essere l’unico componente del nucleo familiare a richiederlo. Il bonus TV – Decoder è riconosciuto nella misura massima di 30 euro (importo abbassato dall’art. 1, c. 5, D.M. 5.07.2021, rispetto ai precedenti 50 euro), pertanto un soggetto con ISEE inferiore a 20.000 euro potrebbe fruire massimo di uno sconto totale di 130 euro per l’acquisto del nuovo apparecchio.

Il rivenditore, per ottenere il credito pari allo sconto applicato, deve trasmettere alla Direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali del MISE una comunicazione telematica contenente:

  • codice fiscale del rivenditore;
  • codice fiscale e carta d’identità del consumatore finale;
  • dati dell’apparecchio;
  • prezzo finale di vendita (imponibile + IVA).

Il servizio telematico verifica l’idoneità dell’apparecchio e che l’utente finale non abbia già fruito del bonus, nonché la disponibilità di risorse. In esito alle verifiche, il sistema rilascia un’attestazione per la possibilità di applicare o meno lo sconto. Dal 2° giorno lavorativo successivo alla ricezione, il rivenditore può utilizzare il credito in compensazione.

Entrambi i bonus sono operativi fino al 31.12.2022, salvo esaurimento delle risorse che sono in totale 250 milioni di euro.

Autore: Paola Meneghetti – Vittoria Meneghetti – Sistema Ratio Centro Studi Castelli

Total
3
Shares
Articoli correlati