Contributi alle imprese creative: dal 20 giugno al via le domande

Innovation. Hands holding light bulb for Concept new idea concept with innovation and inspiration, innovative technology in science and communication concept,

Per progetti di sviluppo di imprese creative è possibile dal 20.06 compilare le domande mentre la presentazione sarà il 5.07 per richiedere contributi a fondo perduto e finanziamenti a tasso zero.

Dopo il boom di domande del Fondo impresa femminile, dal 5.07 sarà possibile inviare le domande di contributo per le piccole e medie imprese creative. Il fondo promosso dal Ministero dello Sviluppo economico e dal Ministero della Cultura ha una dotazione finanziaria di oltre 26 milioni di euro, incentiva progetti fino a 500.000 euro per la creazione e lo sviluppo di imprese creative. Possono richiedere le agevolazioni anche le persone fisiche che intendono costituire una impresa creativa.

L’agevolazione prevede un finanziamento agevolato a tasso zero, fino al 40% della spesa ammessa e un contributo a fondo perduto fino al 40% della spesa ammessa.

Sono agevolabili spese per: impianti, macchinari e attrezzature nuove, hardware e software, brevetti, marchi e licenze, certificazioni, know-how e conoscenze tecniche per esigenze produttive e gestionali, opere murarie e spese per esigenze di capitale circolante quali materie prime, servizi, godimento beni di terzi, costo del lavoro dipendente assunto a tempo indeterminato.

Per le imprese costituite da più di 5 anni al momento della presentazione della domanda, il progetto deve essere finalizzato all’ampliamento o diversificazione della propria offerta di prodotti/servizi e del proprio mercato di riferimento o all’introduzione di innovazioni ed efficientamento del processo produttivo.

Ma chi sono le imprese creative? I bando le identifica specificatamente in base al codice ATECO e in particolare, quelle operanti nel settore dell’architettura, alle biblioteche, ai musei, all’artigianato artistico, all’audiovisivo, cinema, televisione e contenuti multimediali, sviluppo software, videogiochi, design, ai festival, alla musica, alla letteratura, alle arti dello spettacolo, all’editoria, alla radio, alle arti visive, alla comunicazione e alla pubblicità.

Possono partecipare anche PMI di altri settori per programmi di investimento realizzati anche da imprese creative per ” progetti integrati” per i quali sia individuata una prospettiva di collaborazione, derivante da una finalità di sviluppo comune, complementare o connessa, in grado di generare vantaggi competitivi per le imprese proponenti.

Il Fondo prevede anche un sostegno indiretto alle imprese creative con altre modalità:

● le imprese creative beneficiarie delle agevolazioni che si qualificano come start-up innovative o PMI innovative, a fronte di investimenti nel relativo capitale di rischio, possono richiedere la conversione di max il 50% del finanziamento agevolato per somme apportate da soggetti terzi:

● le imprese di qualunque settore possono “prenotare” per servizi erogati da parte di imprese creative, un contributo dell’80% del costo, con un massimo di 10.000 euro.

La compilazione delle domande sarà possibile a partire dalle ore 10.00 del 20.06.2022, per gli interventi a sostegno della nascita e lo sviluppo delle imprese creative e a partire dalle ore 10.00 del 6.09.2022, per gli interventi a sostegno della promozione della collaborazione tra imprese creative e soggetti operanti in altri settori. Le domande compilate potranno essere inviate rispettivamente a partire dalle ore 10.00 del 5.07.2022 e dalle ore 10.00 del 22.09.2022.

Ricordiamo che il Fondo prevede un procedimento valutativa a sportello quindi è opportuno presentare domanda il 1° giorno per evitare l’esclusione per esaurimento delle risorse.

Autore: Matteo Rizzi – Sistema Ratio Centro Studi Castelli

Total
1
Shares
Articoli correlati