Estate 2021, le previsioni economiche della Commissione europea

  • La Commissione europea ha presentato le sue previsioni economiche per l’estate 2021. Per quanto riguarda l’Italia, l’attività economica del Paese si è dimostrata più solida del previsto, aumentando leggermente nel primo trimestre dell’anno, nonostante le rigorose misure di contenimento.
  • I dati sul settore manifatturiero e sulle imprese, così come le indagini sui consumatori, suggeriscono che la crescita del Pil reale ha acquisito ulteriore slancio nel secondo trimestre dell’anno e dovrebbe rafforzarsi notevolmente nella seconda metà del 2021.
  • La crescita del Pil reale è attesa al 5% nel 2021 (in rialzo rispetto alle previsioni della scorsa primavera, + 4,2%) e al 4,2% nel 2022.
  • La Commissione evidenzia come il miglioramento della situazione sanitaria, che ha permesso alla maggior parte delle restrizioni di allentarsi, abbia posto le basi per una ripresa sostenuta e solida. Gli investimenti pubblici e privati, sostenuti dalla diminuzione dell’incertezza delle imprese circa le prospettive della domanda e dall’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, rimarranno il principale motore di crescita per il Paese.
  • Il consumo privato dovrebbe aumentare notevolmente, aiutato dal miglioramento delle prospettive del mercato del lavoro e dal graduale esaurimento dei risparmi accumulati.
  • L’economia dell’Ue e dell’area euro cresceranno del 4,8% nel 2021 e 4,5% nel 2022. Il Pil reale è previsto tornare ai livelli pre-pandemia nell’ultimo trimestre del 2021.
Total
0
Shares
Articoli correlati