Come ripensarsi per ripartire

La lezione Covid-19: sarà impossibile riprendere come se non fosse successo nulla.

Negli ultimi mesi, da un momento all’altro, la maggior parte di noi ha dovuto apprendere competenze digitali che probabilmente avrebbe appreso in molto più tempo o forse mai. Siamo stati costretti a cambiare la nostra organizzazione del lavoro e del tempo libero, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini e i nostri gesti quotidiani. Ci siamo trovati male? Ci siamo trovati bene? Abbiamo imparato cose nuove? Fermiamoci a pensare allo smart working. Per alcuni lavorare da casa può essere stata una piacevole sorpresa. Lavorare da casa consente di evitare i tempi morti degli spostamenti, permette di stare di più con la famiglia, consente di non essere sempre “perfetti”. Gli appuntamenti online sono di solito più brevi e concentrati, tutti sono più puntuali. Si perde meno tempo.

Per altri la mancanza della postazione di lavoro, il non riuscire a staccare dalla famiglia, il non vedere in modo continuativo i colleghi e i collaboratori, è stato un qualcosa di insopportabilmente faticoso e improduttivo.

Come sempre non possiamo affermare che è tutto giusto o tutto sbagliato, con ogni probabilità è un mix di cose. Al di là da come la pensiamo, questo tempo sospeso ci ha dato la possibilità di metterci alla prova in situazioni nuove e mai vissute in precedenza. Ci ha fatto capire che possiamo affrontare i cambiamenti e che possiamo “ripensarci”, o per reagire alla crisi che verrà, o per cambiare un lavoro o una vita che non ci soddisfavano più di tanto. Cosa possiamo fare?

Possiamo modificare alcune cose oppure pensare più in grande, prendere decisioni, cambiare la nostra vita indirizzandola dove non avremmo mai avuto il coraggio di indirizzarla prima della pandemia. Oppure fare qualche aggiustamento, cambiare il ritmo e non riprendere come se non fosse successo nulla.

“È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie”: credo di aver compreso solo stavolta, con la pandemia, che cosa volesse dire Albert Einstein con queste parole. Reinventarsi, trovare le energie per ripensarsi e individuare nuove strategie. In questo percorso di analisi è molto importante il confronto con gli altri, ascoltare un punto di vista esterno. Non rimanere arroccati sulle nostre posizioni, ma accogliere il pensiero dell’altro e la sua esperienza passata. Avendo però chiaro che quello che può aver funzionato per lui può non funzionare per noi o viceversa. Perché ogni situazione è a sé stante, le variabili in gioco sono diverse. Cambiano i luoghi, le persone, le energie, le relazioni; il nostro modo di essere, il nostro entusiasmo o il nostro pessimismo. I nostri punti di forza e i nostri punti di debolezza. Esistono strumenti per ripensarsi?

Uno strumento tecnico e visivo allo stesso tempo è il Business Model You, che è l’equivalente del Business Model Canvas per le aziende. In modo strutturato e creativo, possiamo ripensare il nostro “modello di professionista” e cercare di analizzare chi sono i nostri clienti attuali, che cosa possiamo offrire loro a fronte dei loro nuovi bisogni e difficoltà, come vogliamo relazionarci, attraverso quali canali li possiamo raggiungere, ecc., oppure pensare a nuovi segmenti di clientela o specializzazioni diverse e così via.

Magari seguendo passioni che abbiamo sempre lasciato nel cassetto e abbandonando, per una volta, la pura logica. Perché, citando sempre Albert Einstein, "la logica vi porterà da A a B. L’immaginazione vi porterà dappertutto”.


Autore: Emanuela Barreri

Print Friendly, PDF & Email
qdp beninformati famiglia
qdp beninformati quotidiano
qdp beninformati ecomia verde