Tentò la truffa dello specchietto a Cappella Maggiore e Vittorio Veneto: pluripregiudicato denunciato

I Carabinieri della Stazione di Cordignano hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Treviso, per il reato di tentata truffa, R.A., classe 1993, originario di Locri e residente in provincia di Catania, nullafacente, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio.

L’attività di indagine è iniziata in data 10 marzo 2019 quando un cittadino di Sarmede (D.A. classe 1943) ha presentato denuncia presso la Stazione di Cordignano riferendo che in quella mattinata, mentre si trovava con la propria autovettura in Cappella Maggiore, veniva affiancato da un’Alfa Romeo 147 di colore nero targata DL643TF, guidata da R.A., che simulava un contatto tra le due autovetture con conseguente danneggiamento dello specchietto retrovisore. Alla richiesta di R.A. di un risarcimento in denaro il denunciante non si faceva trarre in inganno, ma si rifiutava di consegnare i soldi e chiamava il 112, facendo sì che R.A. se ne andasse via.

I dettagli forniti dal denunciante in merito al soggetto e alla tipologia della macchina, nonché i riscontri mediante le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona hanno permesso di risalire all’identificazione di R.A., che è stato denunciato per il reato di tentata truffa. Si aggiunge che sempre R.A. è stato denunciato per lo stesso reato dai Carabinieri della Stazione di Cison di Valmarino lo scorso 6 marzo 2019, quando tentò di mettere in atto, inutilmente, la stessa tipologia di truffa nei confronti di un automobilista a Vittorio Veneto, in Largo Porta Cadore (qui l'articolo).

Riguardo alla truffa mediante “tecnica dello specchietto”, la casistica ha fatto rilevare che la tipologia di vittime prediletta dai malintenzionati è costituita principalmente da persone anziane, pertanto si raccomanda di prestare attenzione e di non cedere mai alle richieste di risarcimento sul posto, quindi non consegnare mai denaro contante e chiamare sempre i numeri di emergenza per richiedere l’intervento delle forze di Polizia.

(Fonte: Carabinieri di Vittorio Veneto).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.