Cappella Maggiore, lunedì la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre. Il sindaco: "Sconfiggere l'indifferenza"

Anche l’amministrazione comunale di Cappella Maggiore lunedì prossimo 17 febbraio alle 20 nella sala A del centro sociale, concederà la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre.

Il tutto durante un Consiglio comunale straordinario con la partecipazione anche del Consiglio comunale dei ragazzi (Ccr), appena rinnovato.

È un impegno preso dal sindaco Vincenzo Traetta e la vice-sindaco Mariarosa Barazza, ma con una decisione condivisa all’unanimità dal consiglio comunale svoltosi nel dicembre scorso e maturato dopo la partecipazione al corteo “L’odio non ha futuro” promosso da Anci a Milano il 10 dicembre a sostegno della senatrice a vita.

Gli obiettivi sono molteplici - spiega il sindaco Traetta - in primis riconoscere la grandezza della figura della senatrice Segre, testimone diretta della Shoah. Poi promuovere una ulteriore sensibilizzazione nella nostra comunità, in particolare nei nostri giovani, a ricordare per non dimenticare".

"Inoltre - continua - lottare contro il razzismo e la xenofobia perché la tolleranza e il rispetto per la dignità altrui costituiscono le fondamenta di ogni società davvero democratica e pluralista e su cui si fonda l’Unione Europea e ovviamente sconfiggere l’indifferenza contro ogni forma di odio e intolleranza”.

La senatrice Segre ha fatto sapere che non potrà intervenire alla cerimonia per impegni già assunti in precedenza e ha inviato un indirizzo di saluto rivolto ai ragazzi ed ai cittadini di Cappella Maggiore che sarà letto nel Consiglio straordinario di lunedì prossimo.

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Fonte: Web video).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport