Cison di Valmarino, curiosità e interesse per il gioco della dama. Artigianato Vivo riscopre una tradizione millenaria

A Cison di Valmarino, secondo una tradizione che dura da molti anni, il circolo culturale “El Mazarol” ha messo a disposizione dei visitatori della rassegna “Artigianato Vivo”, da poco conclusa, un tavolo con tre damiere nella zona dell’ex latteria per permettere a chi fosse interessato di divertirsi giocando.

Quest’anno il gioco della dama, vuoi per curiosità, vuoi perché veniva offerta l’opportunità di sedersi e di riposare un po’, ha ottenuto una partecipazione superiore alle aspettative. Questo gioco è servito ai giovani per passare il tempo libero in modo alternativo e ai meno giovani per ricordare con nostalgia quando, da bambini, giocavano a dama con la famiglia.

Le origini del gioco della dama si perdono nella notte dei tempi. Infatti, è storicamente accertato che fosse praticato dai primi faraoni dell’antico Egitto. Dagli egizi la dama passò ai greci e da questi ai romani. Nell'antica Roma, infatti, era molto praticato un gioco noto come “ludus latrunculorum” che si svolgeva con pezzi di colore bianco e nero su una tavola simile alla damiera.

Fare paragoni tra il gioco di quattromila anni fa e quello attuale non avrebbe senso, viste le macroscopiche differenze. Quel che conta, in ogni caso, è il concetto di base legato alle regole del gioco.

Il successo riscontrato a Cison di Valmarino dimostra come la dama sia un gioco capace di creare interesse e suscitare curiosità oggi come nell'antichità.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: per gentile concessione di Renato Meneghin).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.