Duplice omicidio di Rolle: la difesa di Sergio Papa chiede l'assoluzione per insufficienza di prove

“Non ci sono prove che Sergio Papa abbia commesso quel delitto e per questo lo dovete assolvere”.

Si è conclusa così, dopo oltre nove ore, l’arringa dell’avvocato Alessandra Nava che difende il 37enne di Refrontolo, accusato dell’omicidio di Loris e Annamaria Nicolasi.

Con una richiesta di assoluzione per insufficienza di prove per l’imputato, che ieri è arrivato in aula col volto tumefatto. La sera precedente, infatti, Papa è stato picchiato dai detenuti con i quali divide la cella nel carcere di Santa Bona.

Papa non ha spiegato chi l’ha picchiato e perché e il suo avvocato si riserva ora di fare denuncia. Ieri il 37enne ha ascoltato in silenzio, tutta la ricostruzione del suo difensore che, punto su punto, ha cercato di smontare il castello accusatorio.

In questo processo mancano le prove che Sergio Papa abbia commesso il delitto. Non ci sono tabulati telefonici, testimoni o immagini che lo collochino a Rolle il giorno del delitto. Abbiamo invece testimoni che lo collocano altrove”, ha spiegato l’avvocato che ha poi concentrato l’attenzione su quella che per la procura è la “prova regina” e cioè la traccia di dna di Papa, trovata sotto un’unghia di Annamaria Niola.

“Una prova scientifica “zoppa” perché ottenuta con procedure non rigorose. La procura vi chiede di valorizzarla, ma voi giurati dovete tenere conto delle sentenze della Suprema Corte che stabiliscono che, se non raccolta con procedure rigorose, quella prova decade ad indizio”.

Secondo la difesa l’indagine per l’omicidio dei coniugi è stata condotta male: “E’ stata fin dall’inizio unidirezionale, con un unico sospettato e non ha tenuto conto di altre piste. E ciò che quello che la procura vi ha portato sono solo indizi, ipotesi, suggestioni. Ma per condannare una persona all’ergastolo servono prove certe, che in questo processo non sono state prodotte. Per questo dovete assolvere Sergio Papa”.

(Fonte: redazione Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport