Cison, a rischio il Grande Faggio: precipita ramo sulle vie dell'Acqua. Tecnici impegnati a valutare lo stato di salute

Esperti arboricoltori e tecnici forestali sono impegnati nel monitorare lo stato di salute del Grande Faggio, da oltre 70 anni presente sul territorio di Cison di Valmarino, situato in un percorso che conduce dal centro del paese alla valle di San Daniele: uno dei principali rami dell'arbusto, infatti, si è schiantato sulle Vie dell'Acqua, nella notte tra sabato 18 e domenica 19 luglio.

Un evento inatteso che ha destato stupore e anche preoccupazione: da una prima analisi, condotta dagli esperti interpellati dal Comune, la ferita non potrà più cicatrizzarsi e, quindi, ora l'attenzione è tutta rivolta sul processo di conservazione dello stesso arbusto.

kinesiostudio nuovo

A causare lo strappo e la caduta del ramo, secondo una prima indagine, sarebbe stato il Fomes, un particolare fungo che ha degradato la struttura del legno al suo interno: soltanto lo strappo nella struttura del faggio ha consentito di fare tale diagnosi, non essendo tale situazione visibile dall'esterno.

Situazione amplificata dalla struttura complessa dell'albero, composta da ramificazioni sbilanciate e pesanti, in una posizione di forte pendenza.

Ora l'auspicio è quello di poter preservare la struttura di uno dei principali simboli del territorio cisonese.

Nel frattempo, i volontari dell'associazione "Amici dei Loff", nella giornata di lunedì 20 luglio, hanno riaperto il sentiero e reso il percorso nuovamente praticabile.


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Cison di Valmarino).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport