Cison di Valmarino, celebrati domenica i 50 anni del Rifugio dei Loff. Il sindaco: "Un compleanno importante"

Nonostante le restrizioni imposte dall'attuale emergenza sanitaria, domenica scorsa, 18 ottobre, a Cison di Valmarino è stato festeggiato un compleanno speciale, ovvero il 50esimo anniversario della costruzione del Rifugio dei Loff (dei lupi).

Un luogo ricco di storia e meta privilegiata dei turisti, grazie al panorama che si può ammirare da circa 1.130 metri di altezza.

Ma anche un luogo caro ai cisonesi che, tramite l'associazione "Amici del Rifugio dei Loff" sorta nel 1998 e guidata dal presidente Gianpietro "Peter" De Mari, hanno saputo dare valore a questa ricorrenza.

E proprio domenica è stata inaugurata una mostra fotografica dedicata ai 50 anni del rifugio, con immagini relative a ogni singola annata del luogo che, oltre all'impegno dell'associazione, è stata realizzabile tramite il supporto dell'amministrazione comunale, di banca Prealpi SanBiagio e dell'azienda Eclisse.

Già in occasione dei primi 40 anni del rifugio era stato realizzato un volume dedicato alla sua storia, un'opera ora arricchita da un vero e proprio percorso a cielo aperto, che testimonia un passato prezioso per il territorio.

"Sicuramente è stato un evento importante - ha commentato il sindaco Cristina Da Soller - perché il rifugio è un'icona per i cisonesi".

"Purtroppo abbiamo dovuto fare un compleanno sottotono - ha specificato il primo cittadino - ma non per questo è stato meno sentito".

"Sicuramente verranno tempi migliori - ha concluso il sindaco - e, nel frattempo, ringrazio tutti coloro che si sono adoperati per la mostra e che, quotidianamente, si adoperano per la manutenzione del luogo e di tutta la rete sentieristica".


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Cison di Valmarino).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport