Cison di Valmarino, nuove modalità per il servizio di trasporto scolastico: domande entro il 15 agosto

  • Cison di Valmarino
  • - 13 Luglio 2020

C'è tempo fino al 15 agosto per fare domanda del servizio di trasporto scolastico per l'annata 2020/2021, servizio rivolto agli alunni dei plessi di Cison di Valmarino e Follina dell'istituto comprensivo "Antonio Fogazzaro", salvo future disposizioni nazionali relative all'utilizzo dei mezzi pubblici per contenere la diffusione del Covid-19.

Le tariffe sono rimaste invariate dall'anno scorso e, per fare richiesta del servizio, è sufficiente scaricare il modulo di iscrizione disponibile sul sito comunale: il modulo dovrà essere inviato entro il 15 agosto all'indirizzo This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. oppure via pec a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it., unitamente alla copia di un documento di identità.

Le iscrizioni saranno accettate fino al raggiungimento della capienza massima consentita dai mezzi, mentre le richieste fuori termine verranno accolte soltanto in presenza di posti liberi e in ordine di registrazione della domanda: tutte le informazioni utili, in ogni caso, sono disponibili sul sito comunale.

kinesiostudio nuovo

Il servizio si svolge secondo un calendario predisposto dai dirigenti scolastici e un piano di trasporto redatto dalla segreteria comunale, contenente l'indicazione delle fermate, degli orari e dei percorsi, quindi non può essere personalizzato in base alle esigenze degli alunni.

Sul fronte dei costi, si può saldare la tariffa di 150 euro in un'unica soluzione entro il 15 agosto, cifra che sale a 225 nel caso di due o più membri della famiglia che usufruiscono del servizio.

In alternativa, è possibile versare un acconto di 75 euro entro il 15 agosto e pagare la seconda rata, sempre di 75 euro, entro il 28 febbraio. Nel caso di due o più membri della famiglia che utilizzano il pulmino, le due rate ammontano a 112,50 euro.

Inoltre, il Comune di Cison di Valmarino, tramite deliberazione, ha disposto il rimborso dell'ultima rata della tariffa del servizio dell'anno scolastico 2019/2020, a causa della mancata fruizione del servizio stesso, dovuta alla chiusura delle scuole per la pandemia: anche in questo caso, il modulo per la richiesta è disponibile sul sito comunale e deve essere inviato sempre entro il 15 agosto.

 

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Cison, a tu per tu con Massimo Colomban dopo l'onorificenza della regina Elisabetta II: "L'innovazione è vita"

  • Cison di Valmarino
  • - 11 Luglio 2020



"Tutto ciò che rimane fermo è destinato a morire. L'innovazione è vita": sono le parole pronunciate dal noto imprenditore Massimo Colomban (nella foto), fresco dell'onorificenza ricevuta dalla regina Elisabetta II di Inghilterra, che dell'innovazione ne ha fatto un tratto distintivo della sua intera carriera professionale.

Una medaglia d'onore, ovvero l'Onorary member in the General division of the Order of Australia, che per la prima volta è stata conferita a un italiano, proprio a Massimo Colomban: l'onorificenza è stata istituita dalla stessa regina nel 1975, allo scopo di premiare le personalità che si sono distinte nel tempo.

Nel caso di Colomban, il riconoscimento è giunto alla luce dei 9 anni svolti come Console onorario d'Australia in Veneto, per la "correttezza e onestà dimostrata", e gli è stato consegnato lo scorso 1° luglio direttamente dall'ambasciatore australiano Greg French, per conto del Governatore dell'Australia e della stessa regina (qui l'articolo).

Un ruolo che l'imprenditore ha affiancato ad altre esperienze che lo hanno reso noto, come la fondazione e la presidenza dal 1973 al 2002 di Permasteelisa o l'assessorato a Roma dall'ottobre del 2016 all'ottobre 2017, fino all'attuale avventura a Castelbrando.

kinesiostudio nuovo

Ma qual è lo stato d'animo di fronte a un riconoscimento di un simile calibro e, soprattutto, può essere considerato un punto di arrivo?

"Ho provato un certo orgoglio nell'aver ottenuto questo - ha esordito Massimo Colomban - e direi che non si tratta di un punto di arrivo, perché continuo a lavorare e a costruire. Un'onorificenza giunta all'improvviso per me: per gli australiani fare il console significa servire i cittadini e vuol dire che ho fatto un bel servizio".

"Correttezza e onestà" sono le due principali motivazioni che hanno permesso all'imprenditore di raggiungere un simile traguardo: un fatto che rende spontaneo chiedersi se siano due ingredienti presenti a sufficienza nella società odierna o se ci sia bisogno di maggior meritocrazia.

"Di meritocrazia ce ne vuole di più in Italia - ha proseguito Colomban - e per quanto riguarda correttezza e onestà, bisogna che il padre dia il buon esempio: mi aspetto che, in futuro, chi ci organizza abbia come fondamentali questi valori per il futuro dell'Italia".

Correttezza, onestà ma anche innovazione: sono questi i termini che più volte ritornano nelle riflessioni esposte da Massimo Colomban, il quale dimostra di avere una visione molto chiara sul futuro della società e su quello dei giovani.

"I giovani possono e devono essere sempre innovativi e il nostro Paese ha bisogno di innovazione. - ha specificato Colomban - Nel campo dell'imprenditoria bisogna innovare e l'innovazione è la condizione necessaria per sopravvivere nel mercato".

"Lo Stato italiano ha bisogno di innovazione - ha concluso l'imprenditore - altrimenti muore e anche lo Stato può morire".


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Video: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

"Benvenuti a Rolle", l'antico borgo tra le pagine del Corriere della Sera: un servizio dedicato a uno dei Luoghi del Fai

  • Cison di Valmarino
  • - 07 Luglio 2020

Gli scenari suggestivi offerti dal paesaggio di Rolle, frazione del Comune di Cison di Valmarino, sono finiti tra le pagine del Corriere della Sera, più precisamente nell'inserto "Buone Notizie", uscito assieme al quotidiano nazionale nella giornata di oggi, martedì 7 luglio.

Un servizio del giornalista Paolo Riva e corredato dalle immagini del fotografo suseganese Arcangelo Piai, con una veduta panoramica del luogo e un momento della potatura dei vigneti, che ha ripercorso le peculiarità di un territorio che, oltre a essere divenuto dallo scorso anno Patrimonio Unesco, qualche annata fa è entrato tra i 37 mila Luoghi del Cuore scelti tramite i sondaggi del Fai, guadagnandosi ben 8.204 voti e un contributo pari a 13 mila euro.

"Benvenuti a Rolle dove il vigneto è una piccola magia" è il titolo del servizio, che ha dato luce all'agricoltura eroica che contraddistingue uno scenario dove paesaggio e capitale umano si sono stretti la mano, per condurre assieme un lavoro di valorizzazione di un territorio che ha poco da invidiare ad altre realtà e che nel 2004 è divenuto il primo borgo italiano tutelato dal Fai.

kinesiostudio nuovo

Una descrizione polifonica, quella restituita da Paolo Riva, che ha delineato le peculiarità delle colline cisonesi grazie alla testimonianza diretta di Enrico De Mori, residente di Rolle, oltre che volontario e delegato regionale del Fai, e di Diego Tomasi, ricercatore del Centro di ricerca per la viticoltura di Conegliano (Crea-Ve), il quale ha posto l'accento sull'eredità del territorio che continua a essere portata avanti.

Ma non è mancato neppure un commento da parte del sindaco di Cison di Valmarino Cristina Da Soller la quale, oltre al riferimento a Festa Granda, il brindisi augurale fatto lo scorso 21 giugno, ha sottolineato "la consapevolezza della popolazione di custodire un tesoro".

Forse, come ha osservato il delegato Fai Enrico De Mori, ora "la sfida più difficile da affrontare è quella con la modernità, non da subire ma da accogliere e governare".

"Da un lato - ha aggiunto De Mori - vogliamo impedire lo sradicamento delle antiche culture locali ma, dall'altro, evitare una statica musealizzazione del territorio".

Obiettivi da tenere presenti, vista soprattutto l'epoca attuale dove la pandemia da Covid-19 ha risvegliato in misura ancora maggiore una certa "fame di casa nostra", un desiderio di assaporare di più ciò che si può trovare a pochi chilometri di distanza, con una voglia di gustare, con ritmi differenti, il nostro territorio.

Uno spirito che nei prossimi mesi potrebbe dare vita a nuove iniziative o, più semplicemente, alimentare un continuo mutare del nostro approccio al territorio circostante.

Nell'attesa di scoprirlo, nel frattempo, è sicuramente degno di nota il fatto che il territorio locale continua a essere di interesse nazionale.


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

Cison di Valmarino, nasce la prima scuola di storia orale sul paesaggio del Prosecco superiore

  • Cison di Valmarino
  • - 11 Luglio 2020

Il Covid non ha fermato iniziative inedite come quella della prima scuola di storia orale sul paesaggio del Prosecco superiore, realtà sorta nel Comune di Cison di Valmarino con appuntamenti e attività in partenza da ieri, venerdì 10 luglio, fino a domenica 12 luglio.

Sede della scuola sono le Cantine Brandolini, impegnate nell'ospitare un'iniziativa ideata dalla Associazione italiana di storia orale (Aiso).

Una progettualità frutto di una proposta dell'amministrazione comunale di Cison di Valmarino, con l’intento di conservare e valorizzare il patrimonio di memoria degli abitanti delle colline e, in particolare, della comunità di Rolle, Luogo del cuore del Fai, finito qualche giorno fa tra le pagine del Corriere della Sera (vedi articolo).

Un desiderio di documentare, scaturito dal riconoscimento di Patrimonio Unesco, attraverso il metodo della storia orale, utile per indagare come sono cambiate le relazioni tra abitanti, ambiente e lavoro negli ultimi decenni: una scuola, quindi, che forma seguendo una didattica esperienziale, sul campo.

Si tratta della prima edizione di un'iniziativa che, a causa del Covid-19, vede un numero ridotto di partecipanti, che comprendono studenti, laureandi e dottorandi, tutti affiancati da storici, antropologi e archivisti.

kinesiostudio nuovo

Dopo un'ambientazione e una geoesplorazione del contesto nel centro storico e a Rolle tra la giornata di ieri e quella di oggi, domenica 12 luglio, sarà il momento propizio per riflettere su come restituire alle associazioni, e alle realtà del posto, la documentazione prodotta: interviste, fotografie, schede di corredo, filmati e registrazioni delle geoesplorazioni, utili a ricostruire il patrimonio storico-culturale del luogo.

Tra gli ospiti e relatori saranno impegnati Daniela Perco, già direttrice del Museo etnografico della Provincia di Belluno e del Parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi, Alessandro Casellato, presidente di Aiso e professore associato di Storia sociale e contemporanea all'Università Ca' Foscari di Venezia.

Presenti anche Giovanni Contini, esperto di Storia Sociale e Oral history, e il poeta Luciano Cecchinel che porterà le proprie riflessioni sul tema di “Poesia e Paesaggio”.

La scuola è organizzata da Aiso, in collaborazione con l'amministrazione comunale di Cison di Valmarino, l'associazione Amici di Rolle, l'associazione culturale La Via dei Mulini, la Pro loco di Cison di Valmarino, l’Istresco e il Centre for digital and public humanities di Ca’ Foscari.

L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio dell'associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco Superiore di Conegliano e Valdobbiadene.

 

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto:archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Cison di Valmarino, partiti lunedì i centri estivi: mascherine dalla farmacia Fontanin e contributo dal Comune

  • Cison di Valmarino
  • - 02 Luglio 2020

Sono partiti i centri estivi a Cison di Valmarino, che comprendono un'offerta piuttosto variegata di attività (qui l'articolo), a partire da lunedì 29 giugno, con il prosieguo dell'iniziativa per tutto il mese di luglio.

Un modo per consentire ai bambini di riprendere i contatti con i propri coetanei e con lo stesso territorio dopo i mesi passati di lockdown, prediligendo attività all'aria aperta e laboratori creativi: il termine delle iscrizioni era stato fissato allo scorso 12 giugno.

Kinesiostudio

A partecipare sono in tutto 70 bimbi, suddivisi in 7 diverse tipologie di attività, dislocate tra Cison di Valmarino e le frazioni di Mura e Tovena.

Centri estivi, come noto, all'insegna della sicurezza, con l'utilizzo di mascherine e ogni tipo di precauzione, che proseguiranno nelle loro attività grazie alla collaborazione con associazioni del territorio, che hanno messo a disposizione spazi e strutture: si pensi alle Pro loco di Tovena e Cison di Valmarino, alla Comunità di Mura, all'istituto comprensivo di Tarzo e Follina.

Cison1 copy copy

Oltre a ciò, i partecipanti hanno ricevuto una mascherina lavabile a testa, frutto della donazione della farmacia Fontanin di Cison di Valmarino.

Da parte del Comune, invece, è arrivato alle famiglie residenti nel cisonese un contributo pari a 80 euro per ogni bambino iscritto.

Tutti aiuti in grado di agevolare la partecipazione a momenti di condivisione collettiva.


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Cison di Valmarino).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport