Codognè, in 30 partecipano al corso di primo soccorso promosso dal Comune per preparare i volontari

Sabato 25 gennaio l’ultimo incontro del corso di primo soccorso e abilitazione all’utilizzo del defibrillatore attuato dal Comune di Codogné, in collaborazione con il Suem 118 di Treviso e indirizzato alle associazioni del paese, al quale hanno partecipato 30 volontari.

“Punto cardine della recente normativa inerente alle manifestazioni - spiega il consigliere comunale all’associazionismo, Matteo Modolo - è la formazione dei volontari. Oggi, per operare in sicurezza, sono indispensabili diverse figure che si assumano la responsabilità di agire di fronte a calamità naturali, incendi o a qualche malore improvviso. Per questo abbiamo ritenuto necessario attuare questo corso, perché ci siano persone capaci di mettere in atto manovre salvavita, quali la rianimazione cardio-polmonare oppure la manovra di Heimlich in caso di soffocamento. Possiamo ritenerci fortunati perché, grazie allo spirito generoso di alcune associazioni, la comunità conta sulla presenza di ben quattro defibrillatori pronti all’uso in caso di necessità”.

Una realtà consolidatasi nel tempo: i corsi di formazione, incoraggiati dal Comune, hanno sempre perseguito l’intento di creare gruppi di volontariato ben informati, capaci di agire con consapevolezza anche in caso di emergenza.

“Codognè è un Comune ricco di associazioni, ne conta ben una quarantina e come amministrazione non potremmo che esserne orgogliosi - prosegue Modolo -. Affinché resti viva all’interno della comunità questa voglia di mettersi a disposizione degli altri, c’è bisogno di sostegno da parte dell’istituzione, bisogna investire sulle persone prima che su qualsiasi altra cosa”.

Per lo stesso motivo nel mese di gennaio dello scorso anno era stato organizzato un corso anti-incendio rischio elevato, sempre rivolto alle associazioni. Aggiunge, infatti, il consigliere: “Il medesimo intento era stato perseguito nel 2018 con la promozione di un corso, conclusosi con un esame teorico e pratico al comando dei Vigili del Fuoco di Treviso, che aveva come fine formare un gruppo di volontari in grado di operare in caso di incendio”.

Il corso di quest’anno, parzialmente finanziato dall’amministrazione, ha visto coinvolti ben 30 cittadini. La prima lezione, durante la quale si è svolta la spiegazione teorica delle principali casistiche in cui si è chiamati a operare, si è tenuta sabato 11 gennaio presso la sala conferenze della biblioteca comunale, mentre sono iniziate lo scorso 18 gennaio le lezioni pratiche che si concluderanno sabato prossimo, 25 gennaio.

Modolo inoltre preannuncia la possibilità di nuovi corsi formativi previsti il prossimo inverno, una scelta dettata dalla volontà di offrire ai volontari i mezzi di cui necessitano per le loro attività.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: web).
#Qdpnews.it

 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport