Colle Umberto, denunciato dai carabinieri un 52enne per tentata truffa in una farmacia del paese

I Carabinieri della Compagnia di Vittorio Veneto, al termine delle attività d’indagine, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Treviso  M. T. (classe 1967), nato in Romania, residente a Piacenza, disoccupato, pregiudicato. Il reato contestato è la tentata truffa.

L’episodio risale all'anno scorso, più precisamente all'11 luglio 2019, intorno alle ore 16 nella farmacia “Al Meschio” di Colle Umberto, dove M.T., una volta entrato, chiedeva alla cassa di poter cambiare due banconote da 20 euro e due da 5 con una da 50. Ottenuta la banconota, la intascava e la riponeva nella tasca sinistra.

Con movimento rapido dalla tasca destra (circostanza questa emersa dall’analisi del sistema di videosorveglianza interno) estraeva una banconota da 10 e la consegnava all’addetto alla cassa cercando di far dubitare che il cambio banconota fosse avvenuto in maniera corretta.

L’addetta alla cassa prendeva la banconota da 10 e consegnava a M.T. una banconota da 50 euro. A questo punto l'uomo  si allontanava per uscire dalla farmacia, ma l’addetta alla cassa, accortasi dell’errore, richiamava M.T. invitandolo a riconsegnare la banconota da 50. 

A questo punto M.T. ritornava alla cassa, riconsegnava la banconota da 50 euro e si riprendeva quella da 10 euro. Successivamente M.T. usciva dalla farmacia e si recava presso la propria auto in uso, una Renault Laguna di colore scuro, parcheggiata a 200 mt di distanza.

In tutta la vicenda era presente un residente, che ha osservato la dinamica all’interno della farmacia e ha seguito M.T. all’esterno, riuscendo a segnare il numero di targa dell’auto con la quale si è allontanato.

Grazie agli accertamenti sulla targa del veicolo, mediante l’analisi delle telecamere del sistema di videosorveglianza interno della farmacia e del sistema di rilevazione transiti del Comune di Vittorio Veneto, è stato possibile individuare M.T., che ha alle spalle numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, in particolare le truffe con la tecnica del cambio banconota.

Lo straniero è stato riconosciuto mediante individuazione fotografica ancher dalla dipendente della farmacia e dal testimone oculare.

(Fonte e foto: Compagnia Carabinieri di Vittorio Veneto).
#Qdpnews.it 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport