Segnali positivi nell'emergenza: Colle Umberto "trova" 50 mascherine. A Cordignano le campane per il nuovo nato

Arrivano anche segnali positivi in alcuni comuni. A Colle Umberto fino ad oggi non sono segnalate persone positive al Covid 19 e sono stati reperiti i Dispositivi di Protezione Individuale. Il parroco di Cordignano nella mattinata di oggi, martedì 17 marzo, ha fatto suonare le campane per festeggiare un nuovo nato.

"Abbiamo reperito privatamente, non come Ente pubblico, una cinquantina di mascherine, - ha dichiarato il sindaco di Colle Umberto, Sebastiano Coletti - che abbiamo potuto distribuire alle persone che si occupano della consegna domiciliare dei pasti caldi e degli altri servizi domiciliari e ai volontari della Protezione Civile, assieme al disinfettante e ai guanti, dispositivi per la protezione individuale. Finora ci siamo dovuti arrangiare. Non sono arrivare comunicazioni da agenzie e istituzioni sovra comunali".

Colletti oggi ha diffuso un messaggio via WhatsApp “per infondere fiducia” e anche per ricordare che il 17 marzo si celebra la giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera italiana.

"Corriamo il rischio - ha commentato - di dimenticarci di questa importante ricorrenza. Oggi è l'occasione per riaffermare i valori su cui si fonda la nostra comunità civile. Nessuno deve essere lasciato solo. Nessuno va lasciato indietro. Uniti ce la faremo".

Don Claudio Carniel, parroco di Cordignano, a metà mattina ha suonato le campane a Cordignano. Lo ha fatto perché è nata una nuova vita, per dare un segno di speranza ad una comunità che attualmente conta almeno sette persone che hanno contratto il coronavirus, con altri casi in via di accertamento, con la relativa quarantena per i familiari. “Qualora mi segnalino altre nascite - ha detto il presbitero - suonerò ancora le campane”.

Da segnalare che la parrocchia di Cordignano per essere vicina alle persone “dialoga” sia attraverso il sito della parrocchia, che un blog, come pure con una chat in WhatsApp.

(Fonte: Loris Robassa © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Colle Umberto).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport