Il Borgo del Saper Fare, un progetto che trasformerà Cison in un ambiente favorevole per artigiani e makers

Grande affluenza nella sala consiliare di Cison di Valmarino, venerdì 1° luglio, alla presentazione del progetto  “Il Borgo del Saper Fare”. Un piano presentato al bando “Investimento 2.1 Attrattività dei Borghi” che ha fatto ottenere al comune di Cison una valutazione di 81/100, risultando quindi al secondo posto nella graduatoria veneta e destinatario di 1.600.000,00 euro da investire nel periodo 2022/2026.

Il Ministero della Cultura, il 20 dicembre 2021, aveva stabilito i criteri con i quali sarebbero stati valutati i progetti e le linee guida del bando “Investimento 2.1 Attrattività dei Borghi”. La finalità era quella di promuovere progetti per la rigenerazione, valorizzazione e gestione del grande patrimonio di storia, arte, cultura e tradizioni presenti nei piccoli centri italiani, integrando obiettivi di tutela del patrimonio culturale con le esigenze di rivitalizzazione sociale ed economica, di rilancio occupazionale e di contrasto dello spopolamento.

Con il Decreto SG n. 453 07/06/2022 il Ministero della Cultura ha approvato l’elenco dei comuni assegnatari delle risorse pari a 380.000.000,00 euro di cui 31.154.684,09 euro destinati al Veneto comprendendo il comune di Cison di Valmarino, Tarzo (qui l’articolo), Sarmede e Refrontolo.

L’obiettivo del progetto è quello di trasformare Cison di Valmarino nel “Borgo del Saper Fare”, dove artigiani e makers possano trovare un ambiente favorevole alla propria impresa o alla propria passione. Un luogo in cui acquisire competenze, godere di occasioni di crescita economica e professionale, tessere relazioni e collaborazioni con le imprese tradizionali. La finalità è quella di creare un terreno fertile per garantire la continuità della propria professione in termini di ricambio generazionale, entrando a far parte nel contempo di un’offerta turistica esperienziale fondata, tra le altre cose, sul contatto con l’artigiano e il suo sapere.

Molti sono gli interventi che verranno eseguiti con questi fondi. Verrà eseguito il recupero dei Silos di Case Marian, creato il Parco didattico del Saper Fare caratterizzato sull’imparare visitando e incentrato su una didattica laboratoriale con una forte componente digitale; la digitalizzazione del materiale storico legato a 40 anni di Artigianato Vivo ed alla storia del territorio.

Verranno potenziate le manifestazioni esistenti con iniziative specifiche legate al saper fare ed il progetto di Scuola di Storia Orale andrà avanti con lo scopo di conservare e trasmettere il valore dei “beni culturali viventi”. Inoltre verrà rafforzata la rete degli operatori turistici locali e verranno creati dei laboratori di Experience Design.

Una grande novità sarà l’Artigianato 4X4X4 ossia 4 esperienze di residenza artigiana durante le quali i partecipanti lavoreranno per realizzare 4 opere con 4 diversi materiali. Un evento che permetta a 16 artigiani di mettersi in gioco e di ampliare la propria visibilità e la propria platea di estimatori, con l’unico obbligo di lasciare poi l’opera realizzata presso Comune di Cison, che provvederà a valorizzare l’opera e, con essa, anche l’artigiano stesso.

Verranno collocati, in vari punti chiave del Borgo storico, delle esposizioni permanenti (fisiche o virtuali) di artigiani, creando delle “botteghe virtuali”. Si tratterà di vetrine-mostra caratterizzate da contesti espositivi creativi nei quali i prodotti di artigiani e di aziende locali verranno utilizzati per dare origine a mostre permanenti della durata di almeno 6 mesi.

Ogni spazio, adeguatamente attrezzato e allestito, sarà fornito di QR code che consentirà ai visitatori l’accesso a contenuti multimediali attraversa i quali conoscere Cison e gli aspetti culturali, ma anche vivere l’esperienza dell’attività artigianale al di fuori delle manifestazioni tradizionali, entrando in contatto con l’artigiano stesso ed acquisendo informazioni anche per l’acquisto delle opere.

In questa direzione intende muoversi il Comune di Cison di Valmarino: innovare il proprio palinsesto culturale attraverso nuovi contenuti, nuovi format e nuove proposte organizzative in grado di accompagnare gli artigiani (digitalmente, verso un nuovo modo di proporre il proprio prodotto, verso una più stretta collaborazione con il mondo delle imprese, verso testimonianze edificanti di realtà imprenditoriali che hanno già sperimentato, con successo, la collaborazione con l’artigianato)

Per concretizzare questi nuovi approcci culturali, il Comune intende valorizzare e potenziare, con sezioni e spazi tematici, gli eventi che da anni si svolgono sul territorio e che si intersecano con il tema dell’artigianato e del saper fare (Mostra Presepi Mura, Il Bosco Incantato, Artigianato Vivo, Secolare Fiera Franca, Stelle a Natale).

La presenza di ospiti e di artigiani di rilievo aumenterà, così come quella di aziende importanti che collaborano con gli artigiani porgendo l’attenzione alle nuove tecnologie per eventi più interattivi, partecipati e dinamici. Inoltre, gli eventi si allargheranno a “nuovi pubblici”, rafforzando gli aspetti educativi, la collaborazione pubblico-privato e con aziende non artigianali.

I partner che collaboreranno con il Comune per rendere possibile questo grande progetto sono: la Pro Loco Cison di Valmarino; l’ Università Ca Foscari di Venezia (Dipartimento di Studi Umanistici); Unpli Veneto Aps; l’Associazione Italiana di Storia Orale; Confartigianato di Vittorio Veneto; Touring Club Italiano e  l’Associazione La Via dei Mulini.

“L’emozione è tanta e sono contentissima per me e soprattutto per la comunità – afferma il sindaco di Cison di Valmarino Cristina Da Soller – Ci aspettano 4 anni di duro lavoro ma sono sicura che raggiungeremo l’obiettivo e Cison diventerà un punto di riferimento per l’artigianato. Il tessuto cisonese è vivo, pieno di entusiasmo ma anche gli enti terzi come l’università Ca Foscari e Unpli hanno dato la loro massima disponibilità e hanno contribuito in maniera significativa per il successo di questo progetto”.

(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
23
Shares
Articoli correlati