Premio Giuseppe Mazzotti Ragazzi, sabato 15 la cerimonia conclusiva. Premiata anche una studente dell’Istituto Comprensivo di Codognè

I ragazzi hanno realizzato un testo indagando antichi mestieri e storie di uomini di un tempo, riscoprendo un mondo e un’economia oggi scomparsi.

È terminata la X edizione del Premio Giuseppe Mazzotti Ragazzi, promosso dall’Associazione Premio Letterario Giuseppe Mazzotti e dal Comune di San Polo di Piave con il sostegno di Savno Srl e Fondazione Giol, riservato alle classi terze della scuola secondaria di primo grado degli Istituti comprensivi statali e paritari di Codognè, Gorgo al Monticano, Mareno di Piave e Vazzola, Motta di Livenza, Oderzo, Ponte di Piave, San Polo di Piave, Collegio Brandolini-Rota di Oderzo.

Sabato 15 maggio alle 9.00 seguita attraverso il sito premiomazzotti.it si potrà assistere alla cerimonia di premiazione che si è svolta con accesso limitato lo scorso sabato 8 maggio nell’Aula magna della Scuola media di San Polo di Piave, Treviso.

Gli studenti sono stati invitati a produrre un elaborato riflettendo sulla traccia: “Storie di “uomini antichi”: “carioti”, bacologi, “cazzarute”, “clautane”, mugnai, cestai, arrotini, ecc.. Uomini e donne del “saper fare”, che popolarono il mondo dei nostri nonni e costituirono, con la loro attività, il cuore dell’economia del nostro territorio. Storie di un mondo che, nell’impatto con la modernità e le sue tecnologie, è oggi ormai scomparso” e la segreteria del Premio ha ricevuto 66 elaborati pervenuti da 17 classi di sei istituti comprensivi statali e paritari.

I vincitori selezionati dalla giuria sono: Leonardo Bisiato della classe III A del Collegio Brandolini Rota di Oderzo (primo classificato), Gioia Cusin della classe III B del Plesso Scolastico “Guido Gritti” di San Polo di Piave, Istituto Comprensivo Statale “Luigi Luzzatti” di San Polo di Piave (seconda classificata) e Karima Osswa Chquiry della classe III B del Plesso Scolastico “Dino Costariol” di Fontanelle, Istituto Comprensivo Statale di Codognè (terza classificata). Sono stati inoltre segnalati come meritevoli i lavori di Angelica Pezzutti della classe III B del Collegio Brandolini-Rota di Oderzo e Valeria Cattai della classe classe III A del Plesso scolastico “Dino Costariol” di Fontanelle dell’Istituto Comprensivo Statale di Codognè.

Nei testi di tutti e tre vincitori emerge il ruolo fondamentale e insostituibile dei nonni, anello di congiunzione tra il presente e un passato affascinante, tutto da scoprire: per comporre i propri racconti hanno scavato nella storia delle proprie famiglie, imparato modi di dire e parole che non si usano più, scoperto mestieri ormai scomparsi e ritualità dimenticate. È stato un lavoro prezioso il loro, perché ha restituito frammenti di storie che contribuiscono a definire la storia del territorio intero.

Nel corso della cerimonia Giovanni Betto, giovane e promettente lettore e attore, ha proposto alcuni passaggi tratti dai testi vincitori.

Il primo classificato ha ricevuto un premio in denaro pari a 300,00 euro, la seconda un premio in denaro di 200,00 euro e la terza un premio in denaro di 100,00 euro, a tutti e tre inoltre è stato consegnato un pc portatile offerto da Savno.

Infine, alla classe del vincitore del primo premio è stata destinata la somma di euro 1.000,00 da investire in un progetto scolastico a propria scelta.

(Foto: Associazione Premio Letterario Giuseppe Mazzotti).
#Qdpnews.it

Total
3
Shares
Articoli correlati