Il Sanmartinocolle ha ricordato sul campo cinque amici scomparsi negli ultimi due anni. “Tutti avevano dato il loro apporto per la crescita della squadra”

Non capita a tutti di perdere in poco tempo tanti amici, e per un piccolo sodalizio calcistico di paese, come in questo caso la società di calcio Sanmartinocolle, spesso sono perdite più dolorose, perché magari quegli amici erano sempre presenti, davano il loro contributo di umanità e impegno per far funzionare al meglio uno dei punti di riferimento della comunità.

Per questo domenica scorsa 19 settembre la società Sanmartinocolle, con un minuto di raccoglimento (nella foto) prima dell’inizio della gara, ha voluto onorare la memoria di tutti coloro che proprio negli ultimi due anni difficili sono andati avanti, per dirla in gergo alpino, improvvisamente e prematuramente.

In particolare, trattandosi della società di calcio, il pensiero di dirigenti e tifosi della squadra è andato a chi con il suo apporto ha contribuito a fare crescere il club onorandone i colori in ogni istante della vita.

E in un minuto di raccoglimento sul campo sono stati ricordati Renzo Coral, chioccia del settore giovanile del Calcio San Martino negli anni ‘80. E poi Franco Covre, socio fondatore, dirigente del Sanmartinocolle e primo tifoso fino all’ultimo respiro. Quindi Roberto Poletto, amico e collaboratore di questa Società, nonché fratello del direttore sportivo Ezio. E’ stato ricordato in modo particolare anche Renato Sommariva, una delle colonne portanti del recente passato della società dalla sua rinascita, in quanto collaboratore instancabile in ogni forma di manifestazioni per la collettività di San Martino.  

Tra l’altro il suo ricordo rimane sempre vivo, anche negli occhi della moglie Monica che è tuttora attiva per la società e sempre presente.

Infine è stato ricordato anche Angelo Altoè, scomparso proprio recentemente, ex presidente dell’associazione per il gemellaggio del Comune di Colle Umberto, ex assessore del Comune di Colle Umberto, sempre presente a tutte le riunioni conviviali della società, di cui è stato un appassionato e fedele sostenitore.

Anche per loro la squadra, forse commossa ancora nei primi istanti dell’incontro disputato poi con il San Vendemiano, prima ha subìto gli avversari andando sotto 0-2, ma in breve ha ritrovato quello spirito e la coesione che è servita per la rimonta e la vittoria finale per 4-2.

(Foto: Alessia Ghirardi per Asd San Martinocolle).
#Qdpnews.it

Total
11
Shares
Articoli correlati