Anche Roberta Carraro nella cabina di regia dell’Imoco Volley 2022/23: la “vice Wolosz” arriva dal settore giovanile gialloblù

Roberta Carraro sarà la vice Asia Wolosz nello scacchiere della Prosecco DOC Imoco Volley 2022/23. Si tratta di un ritorno alla base per la palleggiatrice nata a San Donà di Piave nel 1998, alta 181 cm, che ha iniziato la carriera proprio nel blasonato settore giovanile dell’Imoco Volley San Donà per poi spiccare il volo.

Dal 2016 la troviamo in A2 prima con Mondovì, poi due anni all’Itas Trentino e nelle ultime tre stagioni alla Libertas Martignacco, ormai una classica “fucina” per la prima squadra gialloblù. Giocatrice dalle ottime qualità tecniche, ha completato il processo di maturazione e ora sarà una valida alternativa nel delicato ruolo di “regista” per la Prosecco DOC Imoco della prossima stagione. Per lei è pronta una divisa impegnativa: giocherà infatti con la canotta numero 1.

“Sono felicissima per questa chiamata – le prime parole di Carraro da pantera della prima squadra – in primis perché si tratta di una società e di una squadra di altissimo livello, ma soprattutto perché essendo cresciuta nelle giovanili Imoco, per me è una grandissima soddisfazione poter giocare nella prima squadra. Il mio è stato un anno un po’ complicato con qualche problemino fisico, quindi sicuramente non mi aspettavo questa chiamata, ma quando l’ho ricevuta non ho avuto dubbi, ho pensato che fosse un’occasione da cogliere”.

Roberta, dunque, sulle orme di Giulia Gennari, per tre anni valida alternativa a Wolosz a Conegliano? “Giulia è un’atleta che stimo molto, pur non conoscendola. Credo sia la rappresentazione di come, rimboccandosi le maniche e lavorando sodo, si possano raggiungere i propri obiettivi. Non so se il mio percorso potrà essere simile al suo ma non posso negare che mi piacerebbe seguire le sue orme” afferma Carraro, che non vede l’ora di potere condividere gli allenamenti con la fuoriclasse polacca: “Credo fortemente che l’allenamento sia fonte di miglioramento. La mia fortuna sarà potermi allenare con tutte atlete di gran spessore: in primis la mia pari ruolo, Wolosz, che è sicuramente una delle migliori al mondo. Penso sia un’atleta fortissima, dalle indiscusse doti tecniche, e soprattutto molto carismatica, dalla quale spero di apprendere il più possibile sia tecnicamente che tatticamente”.

(Foto: Imoco Volley Conegliano).
#Qdpnews.it

Total
3
Shares
Articoli correlati