Conegliano, lo sfogo di Dario Scrinzi, titolare della macelleria “Le Mannaie”: “Ogni giorno devo pulire l’angolo a lato del negozio”

Un’altra testimonianza della situazione di degrado esistente in città è Dario Scrinzi, titolare della macelleria “Le Mannaie”, una moderna “bekaria” situata all’angolo di via Cavour a Conegliano, aperta dal 2019.

Scrinzi sul proprio profilo Facebook ha pubblicato un filmato raffigurante un uomo che in pieno giorno espleta i propri bisogni nell’angolo a lato del suo negozio, a fianco dei bidoni della spazzatura: un caso, a suo dire, non isolato ma verificatosi quotidianamente in questi tre anni.

Il post pubblicato su Facebook, quindi, è stato uno sfogo personale relativo a questa situazione: “Troviamo quotidianamente pipì e vomito in questo angolo, da parte di gente discutibile che poi si reca al parchetto qui dietro – spiega Dario Scrinzi – Tutte cose già segnalate più volte in Comune e che si verificano da quando ho aperto”.

Sono stufo, per questo ho fatto il post su Facebook. Chiedo quello che ho sempre domandato, ovvero decoro e sicurezza – ha proseguito Scrinzi nel proprio racconto – A volte queste scene, che avvengono di giorno, sono state materia di discussione con i clienti, che mi chiedono come faccia a sopportare tutto ciò. Teniamo conto che il mio è un negozio di generi alimentari”.

Scrinzi ha spiegato che si è da sempre preoccupato di pulire tutto quanto veniva lasciato in questo angolo, proprio per il fatto di avere un’attività che si occupa della vendita di alimenti.

“Questo è un problema quotidiano, che si verifica soprattutto il venerdì con il mercato – ha proseguito nel suo racconto – Anche una vicina del palazzo so che ha documentato più volte la cosa, segnalandola e facendo le proprie lamentele. Io parlo perché sono il titolare di un’attività alimentare e serve che ci sia pulizia. La pazienza arriva a un certo limite“.

Scrinzi ha riferito di avere ricevuto numerosi contatti a seguito del suo post sui social. “Parecchi clienti mi hanno espresso la loro solidarietà e sono stato contattato da Lega e Fratelli d’Italia – ha raccontato – Poi c’è chi mi ha detto che bastava buttare una secchiata d’acqua: ho fatto l’invito a venire a pulire qui con me e invito a comprare di tasca sua i detersivi come faccio io e vediamo a fine anno”.

Uno sfogo, quello che Scrinzi ha voluto esprimere sui social “per chiedere per l’ennesima volta di fare qualcosa”, come lui stesso ha dichiarato.

(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati