La comunità piange lo scultore e pittore Mario Zanin: suo il busto di monsignor Fausto Scapin a Parè. Domani il funerale

È in lutto la comunità di Susegana per la scomparsa di Ivan Mario Zanin scomparso nella giornata di venerdì per un tumore scoperto solamente due mesi fa. 

Zanin molto noto nel territorio coneglianese aveva coltivato la sua passione per la scultura e la pittura fin da giovane specializzandosi poi con gli anni nella lavorazione del bronzo.

Le sue opere sono sempre state molto apprezzate non solamente nella Marca ma in tutto il territorio nazionale e anche all’estero.

Suo il busto intitolato lo scorso aprile a monsignor Fausto Scapin, per 34 anni parroco di Parè (vedi articolo).

Nel comune di Susegana, dove Zanin risiedeva, sono in molti a ricordarlo come una persona sempre disponibile e gentile. Oltre alla pittura ha lavorato anche come saldatore in una ditta di cucine per navi da crociera. 

Zanin ha sempre cercato di trasmettere la passione per il proprio lavoro e per la scultura anche agli altri. Negli anni ha infatti tenuto diversi corsi di pittura all’Università degli adulti di Susegana.

Mario Zanin lascia la moglie Lisanna e i figli Massimiliano e Marylyn. Il rito funebre si terrà domani, martedì, alle 16 nella chiesa parrocchiale di Susegana. Dopo la cerimonia la salma proseguirà per la cremazione.

(Foto: On. Funebri Terzariol).
#Qdpnews.it

Total
2
Shares
Articoli correlati