Cordignano, primo consiglio comunale per il neoeletto Roberto Campagna: il dibattito si accende sul programma di Cordignano Viva

Il primo consiglio comunale di Cordignano si è infiammato sul programma da realizzare nei prossimi anni. L’organo di governo locale si è riunito nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 19 ottobre.

Per la terza volta Roberto Campagna ha indossato la fascia tricolore e ha giurato fedeltà allo Stato, quindi ha esposto per circa mezz’ora un corposo documento con le linee programmatiche e i progetti qualificanti che Cordignano Viva intende realizzare.

Campagna, fra gli altri temi, ha parlato del nuovo assessorato alla famiglia e del sostegno che verrà dato a quest’ultima attraverso una politica che riguarderà tariffe e contributi.

La nuova amministrazione istituirà un Albo dei volontari del Comune che mettono a disposizione della collettività il proprio tempo e potenzierà i servizi all’infanzia anche attraverso l’asilo nido Brucobimbo.

Riporterà il mercato nella piazza centrale, costituirà un ufficio bandi per accedere ai contributi pubblici, realizzerà una rotatoria, insieme alla Provincia, a Pinidello tra la provinciale 71, via Trento e via Montenero.

Avvierà anche un gruppo comunale di Protezione Civile, eviterà nuovo consumo del suolo favorendo il recupero dell’esistente e nel Parco dei Carbonai verrà avviato un progetto volto al turismo familiare. Velocizzerà le pratiche.

 “Abbiamo letto con attenzione le linee guida del vostro programma – ha commentato Luca De Re per Insieme per Cordignano – e sinceramente lo abbiamo trovato superficiale. Sorvola sui contenuti, non contestualizza, salvo in rare eccezioni, e non vengono stabiliti i termini di intervento. Tolti i buoni propositi, cosa resta?”.

“Avete citato tre opere pubbliche – ha proseguito -, asserendo che le porterete a termine. Per il teatro ci saranno i soldi del fondo Letta. Per la rotonda di Pinidello sembrerebbe, invece, che il vostro progetto sia slittato in fondo alla graduatoria, ben lontano dalle priorità regionali. C’è poi la scuola di Villa. È mai possibile che vi prefiggete di finirla senza sapere ancora la destinazione d’uso? Non sarebbe il caso di essere più chiari con i cittadini e definire la questione prima di creare qualcosa di dispendioso senza sapere ancora oggi quale utilizzo fare della struttura? Inoltre, si parla di adeguamento sismico della così detta parte vecchia, ma la parte nuova, dopo essere stata concepita come asilo e poi trasformata in primaria, verrà mai terminata? A che punto sono i lavori e dov’è l’impresa aggiudicataria dell’appalto? Si dovrà quindi procedere con una nuova assegnazione e con un inevitabile aumento dei costi dovuti al forte incremento delle materie prime?”.

Alessandro Biz di Tutti per Cordignano ha sottolineato che quanto condensato nel programma della maggioranza per il 90 per cento era nel consuntivo del lavoro portato avanti dalla giunta da lui guidata fino a pochi mesi fa, mentre il rimanente 10 per cento gli sono parse delle buone intenzioni.

Quindi ha chiesto come mai, essendoci di già un assessore alle opere pubbliche, si sia data l’edilizia sportiva all’assessore allo sport. Restando alle opere pubbliche, ha ricordato che ci sono un progetto esecutivo redatto e parte dei finanziamenti già stanziati per i nuovi loculi da costruire nel cimitero del capoluogo, chiedendo infine rassicurazione che questa opera venga realizzata.

Sulla collocazione del mercato degli ambulanti in via Vittorio Veneto ha sottolineato che la scelta dello spostamento era stata condivisa dal precedente esecutivo guidato da lui, ma formato anche dagli assessori.

Campagna ha risposto che l’edilizia sportiva non è un’esclusiva dell’assessore allo sport, è uno dei progetti della squadra di governo, del gruppo Cordignano Viva. Il sindaco e il suo vice Carlo Baggio, infine, hanno ribadito che il mercato degli ambulanti tornerà nel centro cittadino e che verrà portato a termine il progetto dei nuovi loculi.

Il programma è stato approvato con i soli voti dei consiglieri di maggioranza. Biz si è astenuto, i tre consiglieri di Insieme per Cordignano hanno votato contro.

(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati