Fregona, attivo il ripetitore telefonico in località Fratte dopo due anni di attesa. Chies: “Contribuirà allo sviluppo delle attività della zona artigianale”

A distanza di oltre due anni dall’avvio delle procedure, con la concessione alla società Wind 3 Spa di un’area di terreno comunale nella zona artigianale in località Fratte, il sindaco Patrizio Chies ieri ha comunicato ufficialmente l’entrata in funzione e operatività dell’antenna ripetitore alta 34 metri.

“Che dire, un grazie a tutti quanti hanno collaborato alla realizzazione fin dall’inizio – ha commentato – confidando che tale impianto contribuirà allo sviluppo delle attività presenti e ne incentivi di nuove”.

Comunque già dalla prima giornata di attività diversi utenti pare abbiano già segnalato all’amministrazione e ai vari consiglieri il funzionamento ottimale della nuova rete, e questo era davvero un risultato atteso da molti anni, richiesto da privati cittadini, ma soprattutto dalle aziende che operano alle Fratte e che hanno avuto finora molte difficoltà di tutti i tipi nel settore delle comunicazioni via internet.

L’antenna inoltre potrà anche essere funzionale al potenziamento della copertura nella parte di zona montana dove il segnale è debole, come il versante del Pizzoc che guarda verso la pianura trevigiana.

Ma non solo, oltre al servizio, la notizia positiva per il Comune è che l’installazione porterà nelle casse oltre 6.000 euro all’anno per un be po’ di anni. Ed è stata una giornata storica anche per il comitato che ha raccolto le firme e da anni sollecitava la questione anche quando sembrava poco conveniente. Poi negli anni il turismo è cresciuto e anche la zona industriale è diventata tra le più importanti.

“Con questo finalmente abbiamo risolto un annoso problema effettivamente  – spiega l’assessore ai lavori pubblici Sandro Dottor – e che la nostra amministrazione si era impegnata a definire al più presto, cercando anche di agevolare le attività esistenti. Il segnale qui alla Fratte era molto labile e non si poteva lasciare così in un punto nevralgico per le attività del paese e ai fini della comunicazione delle attività commerciali e artigianali presenti”.

(Foto: per concessione di Sandro Dottor).
#Qdpnews.it

Total
4
Shares
Articoli correlati