Il caldo record spinge in piscina. Venerandi (Solerò): “Riecco la normalità, ma con la siccità vietato sprecare acqua. Che fatica trovare personale”

Un’estate di ripartenza, quella del 2022, per diversi impianti natatori dell’Alta Marca, tra i quali la piscina Solerò Splash e Wellness gestita da Mattia Venerandi.

Dopo le limitazioni dovute alla pandemia nelle scorse due estati, quando andare nei posti di svago incuteva ancora soggezione a causa dei duri momenti trascorsi a causa del virus Covid-19, oggi si può dire che la situazione in questo genere di impianti sia tornata alla normalità.

Complice il gran caldo, le persone cercano sempre di più di trovare refrigerio nelle località di mare, se possono, oppure nelle piscine.

Così, senza più dover utilizzare mascherine, i clienti si recano in queste strutture dove hanno la possibilità di fruire delle piscine presenti, di trovare ristoro nei bar e trascorrere piacevoli giornate sotto l’ombrellone.

Per quanto riguarda la situazione idrica, da molte settimane critica, al Solerò le vasche non hanno subito limitazioni da parte dello Stato e della Regione Veneto, e tutto viene gestito con le norme in vigore da anni: “Cerchiamo di bagnare con parsimonia il verde che abbiamo intorno – spiega il gestore – tentando di mantenere un’erba decorosa e di invogliare i nostri clienti a recarsi nella struttura ma, allo stesso tempo, evitiamo gli sprechi”.

Così ha affermato Venerandi, che da anni segue l’attività. “Per quanto riguarda l’acqua – prosegue – continuiamo a fare come gli anni scorsi: usiamo prodotti per sanificare, ad esempio il cloro, filtriamo l’acqua e cerchiamo di farla evaporare il meno possibile, mantenendola pulita e igienizzata. Abbiamo fatto come sempre le dovute manutenzioni, senza particolari differenze, raccomandando ai nostri tecnici, anche in questo caso, di risparmiare risorse idriche”.

Al Solerò è possibile non solo rinfrescarsi in queste torride giornate, ma anche trovare un po’ di svago la sera: “La nostra clientela è giovane. Si tratta in gran parte di ragazzi e ragazze under 30 che hanno voglia di tornare a ballare dopo le interruzioni degli scorsi anni – spiega ancora Venerandi -. Purtroppo, come è successo per molte altre attività, abbiamo fatto fatica a trovare il personale e quindi dobbiamo arrangiarci con le persone che abbiamo ma, nonostante ciò, siamo riusciti a tornare alla normalità e a riproporre dei momenti di svago, con diversi format”.

(Foto: Solerò Splash e Wellness).
#Qdpnews.it

Total
7
Shares
Articoli correlati