Interventi del soccorso alpino sulle montagne bellunesi: recuperato anche un alpinista di Mareno rimasto sospeso nel vuoto a circa 50 metri da terra

Diverse operazioni di soccorso questo pomeriggio da parte del Soccorso Alpino nel territorio bellunese.

Il Suem di Pieve di Cadore sulle Marmole nel territorio di Auronzo di Cadore (BL), con l’ausilio dell’elisoccorso, è intervenuto alle 14.40 precisamente all’altezza della Forcella del Mescol, dove, in un tratto ripido e scosceso, si trovava un turista tedesco bloccato da una crisi di panico. M.H., di 32 anni, che stava percorrendo da solo il sentiero, non era infatti più in grado di proseguire, né di tornare sui propri passi nel punto esposto.

Sbarcato in hovering nelle vicinanze, il tecnico di elisoccorso lo ha raggiunto e aiutato a spostarsi fino al luogo dell’imbarco. L’escursionista è stato poi lasciato a Palus San Marco.

Successivamente l’elimbulanza è stata dirottata nel Gruppo del Bosconero, Val di Zoldo, per una cordata in difficoltà.

Durante la calata dalla Via Strobel sulla Rocchetta di Bosconero, un alpinista, P.B., 60 anni, di Mareno di Piave è rimasto sospeso nel vuoto a circa 50 metri da terra, mentre il compagno era fermo in sosta 60 metri più sopra.

Ci sono voluti 94 metri di verricello per calare il tecnico di elisoccorso all’altezza dello scalatore, lontano 5 metri dalla parete, che, una volta agganciato, è stato svincolato dalle corde e issato a bordo. L’elicottero ha poi recuperato anche il compagno in sosta. Entrambi sono stati lasciati al Rifugio Bosconero. Alle 15 circa era scattata un’altra emergenza per una turista tedesca colta da malore nei pressi del Lago Fosses a Cortina.

Atterrati poco distante, equipe medica e tecnico di elisoccorso dell’eliambulanza di Dolomiti Emergency hanno valutato le condizioni della donna, che è stata imbarcata e trasportata all’ospedale di Belluno per i dovuti accertamenti.

(Fonte e foto: CNSAS).
#Qdpnews.it

Total
2
Shares
Articoli correlati