Pederobba, boom di gente nel giorno dell’inaugurazione del nuovo centro commerciale sulla Feltrina

Era facilmente prevedibile e ieri, in occasione dell’inaugurazione dei primi spazi del nuovo centro commerciale di Pederobba, tanta gente ha scelto di fare un giro spinta dalla curiosità di vedere da vicino la nuova struttura.

Nelle settimane precedenti, la notizia dell’apertura del centro commerciale sulla Feltrina aveva acceso il dibattito sulle conseguenze per i negozi di vicinato del paese, con riflessi anche sulle comunità vicine che temono l’onda d’urto di questo forte competitor.

Per questo il Comune di Pederobba aveva organizzato un incontro in streaming per spiegare le “contromisure” a favore delle realtà commerciali già presenti sul territorio, oltre alle opportunità di lavoro e di promozione delle eccellenze locali che potranno nascere grazie a questa nuova realtà.

Ieri, in alcuni momenti della giornata, era difficile trovare un parcheggio libero davanti al centro commerciale perché il numero di auto arrivate era impressionante.

Il forte potere attrattivo di “Area 151 Shopping”, infatti, ha portato molte persone ad entrare nel supermercato Iper Tosano e negli altri negozi già aperti anche solamente per andare a curiosare, ma in molti hanno fatto acquisti e sono rimasti positivamente colpiti dalla ricca offerta di prodotti.

FOTO 3

Solo il tempo potrà dire se l’apertura di questo centro commerciale sia stata una scelta opportuna per quest’area dell’Alta Marca Trevigiana ma non si può negare che in questo modo Pederobba, molto più che in passato, ha i riflettori accesi sul suo territorio.

La comunità pederobbese dovrà essere capace di approfittare di questa fase per farsi conoscere meglio, partendo dalle eccellenze enogastronomiche che si potranno presentare negli spazi messi a disposizione dall’azienda costruttrice per il mercato agricolo dei prodotti locali.

Ieri il sindaco Marco Turato aveva detto che l’occasione dell’apertura di questo centro commerciale sarebbe stata sfruttata anche per dare visibilità alle piccole realtà agricole, gastronomiche, culturali e artigiane del Comune di Pederobba.

“Non dobbiamo mai dimenticare le persone che hanno dato vita ai nostri centri storici e ai nostri paesi – aveva affermato il sindaco Turato – Io spero e mi auguro che questa struttura viva e dia un po’ il senso della porta verso la Provincia di Treviso, per chi proviene da Belluno. Penso che un miglior biglietto da visita di questo non ci sia. Per cui grazie ad EMA.PRI.CE e alle sue maestranze che hanno dimostrato professionalità, coraggio e passione per il nostro territorio”.

 

 

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
0
Shares
Articoli correlati