Cordoglio anche a Pieve di Soligo per la morte di Franco Rebellato: era stato dirigente all’istituto superiore Marco Casagrande

Cordoglio anche a Pieve di Soligo per la scomparsa del professor Franco Rebellato, preside dell’istituto superiore “Marco Casagrande” dal 1998 al 2002.

La dolorosa notizia del sua morte, a seguito di una grave malattia diagnosticata nei primi mesi del 2020, è giunta del tutto inattesa nella sede della scuola di via Stadio dove il docente trevigiano, nato a San Zenone degli Ezzelini 73 anni fa, era stato uno stimato dirigente per quattro anni, molto intensi e proficui nell’arco della sua lunga esperienza professionale.

Proveniente dalla dirigenza dell’istituto comprensivo di Asolo e quindi della scuola media Sarto di Castelfranco Veneto, Rebellato aveva guidato l’istituto pievigino con competenza, disponibilità e umanità nei confronti di docenti, studenti, famiglie e personale tutto, lasciando il ricordo di una persona veramente appassionata del suo lavoro e molto sensibile ai temi della formazione culturale e dell’educazione delle giovani generazioni, con uno sguardo attento ai rapporti con il territorio.

Dopo la fase vissuta a Pieve di Soligo, il professor Rebellato era stato preside fino al 2010 al Liceo Giorgione di Castelfranco, dove aveva dato vita in particolare ai corsi del liceo musicale, concludendo qui la sua attività al raggiungimento della pensione.

Laureato in pedagogia, specializzatosi come docente di materie letterarie, Franco Rebellato era uomo di profonda cultura e svariati interessi, molto attento alle dinamiche sociali, impegnato in tanti campi e associazioni, anche nella città di Bassano del Grappa dove aveva stabilito la sua residenza insieme alla famiglia a partire dai primi anni del 2000. Proprio nella città vicentina aveva fondato l’Istituto Musicale di Bassano ed era presidente dell’Università della Terza Età.

Giornalista e scrittore, autore di diversi volumi e pubblicazioni, già responsabile provinciale dell’Associazione Trevisani nel Mondo e attivo con i Rotary Club, aveva intessuto negli anni importanti relazioni di presenza e collaborazione con il mondo cattolico trevigiano e con varie testate d’informazione.

Il preside scomparso ha affrontato la prova della malattia con grande forza e coraggio, lottando  in ogni modo, sino all’ultimo istante, con grande dignità e con tutte le sue risorse morali e fisiche.

Dopo le cure e le terapie ospedaliere, il professor Rebellato si è spento martedì scorso nella sua casa di Bassano, sempre assistito amorevolmente dai suoi familiari. Maggiore di sette fratelli, lascia la moglie Lucia Mongelli, insegnante di lettere all’istituto Remondini di Bassano, e i figli Jacopo, Gaia, Prisco Maria e Antonio.

La data dei funerali, che si svolgeranno a Bassano, non è stata ancora fissata. Una veglia di preghiera è in programma nella chiesa parrocchiale del paese natale di San Zenone degli Ezzelini venerdì 16 aprile alle ore 20.

(Foto: Servizi Funebri Generali Zardo di Fonte).
#Qdpnews.it

Total
6
Shares
Articoli correlati