Argento olimpico e nuovo record italiano per la staffetta 4×100 stile libero con l’ex allievo del Cavanis Manuel Frigo: “Per questo podio ho anche tagliato i baffi”

Manuel Frigo, Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri: sono i quattro ventenni azzurri che hanno sorpreso tutti a Tokyo nella loro specialità, la staffetta 4×100 stile libero. Gli atleti hanno fissato il nuovo record italiano, fermando il cronometro a 3’10”11.

Inoltre grazie a loro per la prima volta nella storia l’Italia sale sul podio in questa categoria. È la seconda medaglia ai Giochi di una staffetta azzurra dopo il bronzo della 4×200 stile libero ad Atene 2004, con nuotatori del calibro di Emiliano Brembilla, Massimiliano Rosolino, Filippo Magnini e Simone Cercato.

Così, dopo la gara di ieri c’è l’Italia tra gli USA e l’Australia, due Stati con atleti di altissimo livello nel nuoto che fanno capire quanto sia sensazionale il traguardo azzurro. Questo argento è il frutto di un duro lavoro di atleti e federazioni sportive, in particolare nel 2004 nacque il progetto “staffetta veloce” affidato a Claudio Rossetto, già allenatore del campione del mondo Filippo Magnini e da tre anni coach di Manuel Frigo.

È stato lui a percorrere la quarta frazione di gara, mantenendo il secondo posto conquistato da Thomas Ceccon, tenendo testa all’oro olimpico Kyle Chalmers, australiano.

“Solo tre anni fa mi sembrava impossibile anche solo pensare di gareggiare alle olimpiadi, e ora arriva perfino una medaglia, non mi sembra vero – dichiara Frigo – Questa medaglia mi ripaga di ogni sforzo. Ho tagliato tutto, anche i baffi per questo podio”, continua l’atleta. I baffi erano infatti il suo tratto distintivo ma per un voto di scaramanzia li ha tagliati prima della gara, sembra che abbia funzionato.

L’ex allievo Cavanis originario di Cittadella, nonostante abbia appena 24 anni, non è nuovo a podi e record. Nel 2019 ai campionati mondiali di nuoto di Gwangju, in Corea del Sud, ha stabilito il primato nazionale nella staffetta 4×100 metri stile libero, per poi superarlo alle olimpiadi di Tokyo.

Lo scorso maggio ha vinto la medaglia di bronzo agli europei di Budapest in ben tre categorie: 4×100 stile libero, 4×200 stile libero e 4×100 stile libero misto. A questi, ora, si aggiunge il podio olimpico con medaglia d’argento.

Per questo risultato a lui vanno i complimenti di amici e insegnanti del Nord Est in cui è cresciuto.

(Foto: Web).
#Qdpnews.it

Total
15
Shares
Articoli correlati