San Vendemiano, coppia di donne chiede di entrare in casa proponendo interviste sui quotidiani: la segnalazione corre sui social

Una serie di interviste da realizzare in alcuni quotidiani: è questa la motivazione che una coppia di donne, molto probabilmente non giornaliste, avrebbero dato a una residente del Comune di San Vendemiano, per poter entrare in casa.

La segnalazione è arrivata ancora una volta nei gruppi social cittadini, uno strumento divenuto sempre più efficace per poter verificare episodi come quello avvenuto.

La residente ha riferito nel gruppo cittadino che la coppia di donne avrebbe suonato il campanello della sua abitazione, affermando di aver ricevuto il nome della madre direttamente dal Comune, allo scopo di poter realizzare un’intervista su alcuni quotidiani.

Un fatto che non è stato confermato dal Comune e che la residente stessa ha ritenuto alquanto strano, decidendo di non far entrare in casa la coppia.

Non è il primo caso in questi giorni di una coppia che si presenta porta a porta nell’area di San Vendemiano, facendo riferimento a determinate motivazioni per poter entrare in casa.

Due giorni fa, infatti, un’altra coppia di persone, stavolta due falsi operatori di Enel Energia, hanno suonato al campanello di alcune abitazioni situate in diverse aree comunali, con la motivazione di dover verificare la presenza di un determinato codice all’interno della bolletta (qui l’articolo).

Ovviamente, anche in questo caso, si trattava di una scusante per entrare in casa, considerata l’entrata del territorio in zona rossa, che ha portato con sé una drastica riduzione in termini di contatti interpersonali consentiti.

Il consiglio rimane sempre lo stesso ed è stato ribadito più volte anche dagli amministratori di diversi Comuni, ovvero quello di non far entrare in casa nessuno e di segnalare questi fatti.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Total
0
Shares
Articoli correlati