Ufficiale, Szumski radiato dall’Ordine dei medici: “Mi affiderò ai miei avvocati, nel frattempo continuerò a lavorare”. Verso una fiaccolata di solidarietà

Dalle indiscrezioni di ieri alla conferma ufficiale: il dottor Riccardo Szumski è stato radiato dall’Ordine dei medici.

Al sindaco e medico di Santa Lucia di Piave è stato notificato il provvedimento disciplinare nella giornata di ieri tramite Pec. Szumski aveva già dichiarato di non essere preoccupato e che nell’eventualità avrebbe sicuramente fatto ricorso: “Mi affiderò ai miei avvocati e faremo tutto quello che potremo fare”. Nel frattempo ha confermato che il suo lavoro di medico non subirà uno stop e continuerà a prestare servizio nel suo ambulatorio: “Finché il provvedimento non diventerà esecutivo, continuerò ad assistere i miei pazienti”.

Secondo il regolamento dell’Ordine dei medici, la radiazione dall’albo professionale può essere disposta quando l’iscritto riporta, con sentenza irrevocabile, condanna alla reclusione per un delitto non colposo, ovvero quando la sua condotta ha gravemente compromesso la propria reputazione e la dignità professionale. Le decisioni del consiglio in materia disciplinare sono notificate, entro trenta giorni, all’interessato, al consiglio nazionale, al procuratore della Repubblica presso il tribunale, al procuratore generale presso la corte di appello del distretto ove ha sede il consiglio, nonché al Ministero di grazia e giustizia.

Nel frattempo i suoi sostenitori non sono rimasti in silenzio e stanno organizzando una “Fiaccolata di solidarietà al medico Dr. Szumski”.

“Abbiamo appreso dai giornali che il Dr. Szumski sarebbe stato radiato dal proprio ordine professionale. Naturalmente non siamo a conoscenza delle motivazioni che abbiano legittimato un così grave provvedimento sanzionatorio. La conoscenza che noi abbiamo come cittadini, prima ancora che come consiglieri comunali, dell’operato del dr. Szumski come medico, ci lascia stupiti per una decisione così radicale” si legge nella pagina Facebook della lista civica Vivere Bene a Santa Lucia di Piave.

“A noi risulta che il medico Szumski si sia distinto per dedizione e impegno nei confronti dei suoi pazienti e di moltissimi altri che a lui si sono rivolti; se si cacciano i medici che prendono a cuore i pazienti, ci viene da pensare che siamo davvero in un periodo molto difficile e pericoloso per tutti”.

Il gruppo propone a tutto il consiglio comunale una fiaccolata di solidarietà al Dottor Szumski: si chiede a tutto il paese di partecipare unito e compatto a prescindere da ogni valutazione e colore politico, e a prescindere da come si giudichi il metodo di contrasto alla pandemia adottato dalle autorità preposte: “Tutti uniti perché è in ballo il futuro di tutti”.

Il comitato Riccardo Szumski si è già dichiarato totalmente a favore dell’iniziativa e ha esplicitato di essere disponibile a qualsiasi operazione per la buona riuscita della fiaccolata.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati