Trevignano piange la scomparsa del Cavalier Piero De Cesaro, esempio di generosità nel volontariato, corista, alpino e amministratore locale


Aveva 89 anni e si è spento nella mattinata di mercoledì 15 settembre dopo una vita onesta e laboriosa.

La scomparsa del Cavalier Piero De Cesaro ha destato grande commozione in tutta la comunità di Trevignano e anche oltre i confini comunali, dato che la sua figura e la sua opera sono state apprezzate da tantissime persone che hanno avuto modo di incontrarlo in uno dei tanti ruoli che ha ricoperto.

“Piero – scrive il Comune di Trevignano in una nota – è stato un uomo generoso, ha lavorato instancabilmente come fabbro nelle ditte Della Toffola e Zanatta Gino e ha dedicato moltissimo del suo tempo libero al volontariato, tanto da essere insignito dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica. Molti lo hanno conosciuto come anima e colonna portante del Coro Giandomenico Faccin di Trevignano, di cui è stato uno dei fondatori e presidente per molti anni”.

Di De Cesaro si ricorda anche l’impegno nella politica locale come consigliere comunale indipendente nel mandato 1960-1965 e come assessore dal 1970 al 1975 con la Democrazia Cristiana.

È stato dirigente della squadra di calcio Fulgor Trevignano e capogruppo degli Alpini di Falzè. Lascia la moglie Agnese, i figli Flavio, Luciana e Giuliano, oltre a nipoti, pronipoti e moltissimi amici. Il Rosario sarà recitato alle 19.30 di giovedì 16 a Falzè, il funerale è fissato nella stessa chiesa per venerdì 17 alle 15.00.

Come segno ulteriore della generosità e della dedizione alla comunità, le offerte raccolte saranno devolute all’asilo parrocchiale.

(Foto: Onoranze Funebri Christian Monico e figli).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati