Treviso, nasce la collaborazione tra l’Ordine degli architetti e la Fondazione Štěpán Zavřel di Sarmede per un dialogo che unisca architettura e fantasia

Parte dalla Mostra Internazionale dell’Illustrazione per l’infanzia, Le Immani della Fantasia, in scena a Sarmede fino al 20 febbraio 2022, la collaborazione tra l’ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Treviso e la Fondazione Štěpán Zavřel.

Un progetto che nasce con l’obiettivo di avviare un dialogo duraturo tra due realtà che a partire dall’immaginazione creano e disegnano gli spazi della realtà. A dare avvio al percorso sarà la riflessione sullo spazio domestico a partire dall’immaginario infantile, filo conduttore di tutta la Mostra.

Sono due le iniziative che l’Ordine e la Fondazione hanno già messo in campo. Per quattro domeniche fino al 16 gennaio 2022, sempre a partire dalle ore 15.30, si terranno presso la Casa della Fantasia di Sarmede quattro workshop artistici patrocinati dall’Ordine di Treviso, nei quali i bambini, guidati da illustratori e architetti, potranno riflettere sul tema della casa e dell’abitare, dando spazio alla loro fantasia. Case non a caso, 10 personaggi in cerca di casa, Creare la propria casa condivisa, saranno i titoli dei laboratori.

Venerdì 26 novembre alle ore 17 si terrà la seconda proposta, rivolta ai professionisti del settore e non. Negli spazi dell’auditorium del Museo di Santa Caterina, dopo i saluti di Marco Pagani, presidente dell’Ordine e di Uberto di Remigio, presidente della Fondazione Zavřel, Simone Gobbo modererà l’Arch_Talk dal titolo L’immaginario della Casa, illustrazioni e racconti della dimensione domestica.

Lo spazio di discussione ospiterà il dialogo tra Massimiliano Giberti, autore del libro La Casa è un Sogno, e Gabriel Pacheco, direttore e curatore della 39esima edizione della Mostra Internazionale ospitata come di consueto nella Casa della Fantasia a Sarmede. 

“Il tema dell’abitare – dichiara il presidente Pagani – anche per effetto delle misure di contenimento dell’epidemia da Covid19, è uscito dai soli ambiti di discussione per addetti ai lavori ed è entrato a far parte, in maniera evidente, della riflessione quotidiana. I bambini per primi hanno vissuto un nuovo rapporto con gli spazi della casa: un cambio di prospettiva e un rinnovato interesse che impongono ai professionisti una partecipazione attiva nella crescita di quelli che saranno i protagonisti del futuro. Di qui l’idea di avviare un progetto di scambio e incontro con una realtà come la Mostra Internazionale di Sarmede, una delle più importanti e strutturate fucine di idee del nostro territorio”.

“L’obbiettivo – anticipa Simone Gobbo – è di costruire un’occasione di scambio dove incontrarsi e sovrapporre le singole esperienze a partire dall’immaginario dello spazio domestico. Racconti e illustrazioni si intrecceranno mettendo in dialogo l’architettura con la fantasia. L’Ordine degli Architetti di Treviso e Fondazione Štěpán Zavřel a partire da questo confronto potranno attivare iniziative e progetti utili a porre l’attenzione sul rapporto tra infanzia e spazio domestico, tra illustrazione e progetto di architettura”.

“La Mostra – dichiara Uberto di Remigio – pone al centro del percorso tematico la casa intesa non solo come dimora, ma anche come luogo aperto identificabile con la comunità. A questo proposito la Casa della Fantasia, sede della nostra Fondazione, rappresenta uno spazio di incontro e di riflessione sull’arte, in particolare sull’illustrazione editoriale per l’infanzia”.

(Foto: Ordine degli Architetti PPCTV).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati