Commozione al primo triangolare “Memorial Luca Vettoretti”. Il ricavato dell’evento andrà alla Fondazione “Città della Speranza” onlus

Ieri, sabato 2 luglio, si è disputato il triangolare “Memorial Luca Vettoretti” al campo sportivo di Valdobbiadene.

L’evento è stato organizzato per ricordare il giovane Luca Vettoretti, mancato all’affetto dei suoi cari il 1° agosto del 2021 a causa di un incidente stradale (qui l’articolo).

Nel triangolare, arbitrato da Stefano Giotto del Gruppo Trevigiano Arbitri (Gta) e Pedemontana, si sono sfidate tre realtà calcistiche del territorio legate alla carriera sportiva di Luca: la Valdosport, l’Asd Vidor Qdp e l’Asd Pederobba 2015.

Durante l’evento sono state raccolte delle offerte che andranno alla Fondazione “Città della Speranza” onlus, rappresentata ieri dalla delegata Antonella Gasparotto.

Presenti il sindaco Luciano Fregonese, il consigliere regionale Tommaso Razzolini, le sorelle di Luca, Francesca e Ilaria, i familiari, gli amici, i compagni di squadra e tante persone che hanno voluto ricordare la sua grande passione per il calcio e per la vita.

Il calcio di inizio è stato dato da Giulio ed Enea, i nipotini di Luca, che hanno indossato la stessa maglia che avevano nel giorno dell’ultimo saluto al loro amato zio.

“Abbiamo voluto ricordare Luca, la sua vita e quello che gli piaceva fare – ha affermato la sorella Francesca – Rivedere i suoi coetanei e i suoi amici mi ha aperto il cuore. Già l’anno scorso con la Valdosport avevamo pensato di fare qualcosa e siamo riusciti a portare avanti il progetto del triangolare in memoria di mio fratello. Ringrazio la Valdosport e l’amministrazione comunale di Valdobbiadene per il sostegno”.

“Come abbiamo fatto in occasione del funerale di Luca – conclude -, il ricavato di questa manifestazione andrà alla Fondazione Città della Speranza perché lui era in simbiosi con i bambini. Noi ci aggrappiamo a ciò che mio fratello ha vissuto ed è quello che ci fa andare avanti. Sono passati 11 mesi ma per me è come se fosse successo ieri. Il tempo non sistema le cose, il vuoto rimane ma dobbiamo aggrapparci a quello che lui ha lasciato, ai legami che si creano in vita”.

“È bello ricordare il bene che ha fatto Luca e il bene che gli volevano le persone che lo hanno conosciuto – ha aggiunto la sorella Ilaria – Lui andava d’accordo con tutti: sorrideva quando stava con i bambini, con i giovani e con gli anziani. Era una persona speciale, non lo dimenticheremo mai”.

“A nome della Fondazione ‘Città della Speranza’ onlus – ha affermato la delegata Gasparotto – ringrazio la famiglia di Luca e tutti i presenti perché, con un gesto nel ricordo di una persona che sto imparando a conoscere attraverso le parole dei tanti amici che lo hanno accompagnato nel suo percorso di vita, siete riusciti a dare un messaggio forte a sostegno della ricerca per i bambini fragili”.

“Attraverso la ricerca questi ragazzini possono avere una vita e un futuro migliore – conclude – Sostenere la ricerca è importante e farlo in maniera continuativa è fondamentale. Questo triangolare in memoria di Luca è una vera partita del cuore”.

“Luca vive nei nostri cuori – ha affermato Antonio Raia, vicepresidente della Valdosport – È difficile dimenticarlo perché era un uomo squadra che sapeva stare con gli altri. Era un ragazzo tranquillo e genuino e io ho avuto modo di conoscerlo quando insegnavo alle scuole medie. Con lui era bello dialogare e lo ricordo come una persona onesta”.

Risultati triangolare: Valdosport vs Asd Pederobba 2015 2-0; Asd Pederobba 2015 vs Asd Vidor Qdp 3 -1; Valdosport vs Asd Vidor Qdp 1-1.

(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati