Idea91 cambia settore e punta a nuovi mercati: “Con Confartigianato Imprese AsoloMontebelluna dopo tre mesi già i primi riscontri positivi”

L’azienda valdobbiadenese Idea91 nasce 30 anni fa dalla famiglia Da Riva: dopo un lungo periodo nel settore della finitura degli occhiali e taglio lenti, dal 2008 iniziano la lavorazione della fibra di carbonio. Tre anni fa, parallelamente alla loro attività, decidono di cambiare di mercato e cominciano la realizzazione di stampi e attrezzature in resina.

A causa di questo cambiamento l’azienda ha trovato alcune difficoltà nel “ricostruire” il proprio pacchetto clienti: “Un cambio di mercato è come aprire una nuova azienda – spiega la figlia del fondatore Sabrina Da Riva – e per questo motivo ci siamo rivolti alla Confartigianato Imprese AsoloMontebelluna che ci ha aiutati nella ricerca di nuovi clienti anche a livello nazionale: dopo soli 3 mesi grazie al loro aiuto ora possiamo tornare a guardare con serenità al futuro“.

“Idea91 ha chiesto il nostro supporto per espandere il loro parco clienti – spiega Rosalia Vettoretto, consulente di Confartigianato Imprese AsoloMontebelluna – e quindi per sviluppare la loro parte commerciale interna. Assieme abbiamo trovato una strategia fatta su misura per la loro azienda basandoci anche sulle loro esigenze. Siamo partiti innanzitutto analizzando se all’interno dell’azienda ci fosse un processo commerciale avviato: Idea91 aveva già una persona al suo interno adibita a questo ruolo. Abbiamo inoltre verificato se fossero stati utilizzati degli strumenti tecnologici per la ricerca di clienti nel mercato. Il secondo passo è stato individuare una persona da anni all’interno dell’azienda che si occupasse sia della produzione che come supporto dell’ufficio tecnico. Stiamo parlando quindi di una figura che conosceva il prodotto e aveva la predisposizione per coprire questo ruolo“.

A detta della consulente dopo aver individuato la persona in questione è partita la sua formazione e solo in seguito si è passati a mappare il territorio per aver la possibilità di avere un campione di clienti a livello nazionale: “Abbiamo dato poi alla persona preposta le indicazioni partendo da come scrivere una mail, effettuare una telefonata fino ad arrivare alla gestione della visita di un cliente”.

“Dopo tre mesi di lavoro – conclude Vettoretto – possiamo dire che l’attività di formazione commerciale all’interno dell’azienda sia andata a buon fine in quanto ci sono già dei primi riscontri di interesse nei confronti del prodotto da loro fabbricato”.

(Foto e video: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
17
Shares
Articoli correlati