Valdobbiadene, il sindaco risponde alle interrogazioni della Civica Endimione sull’ecocentro di Bigolino e sulle attività di pulizia del territorio

Nelle interrogazioni presentate recentemente dalla “Civica Endimione”, gruppo di minoranza in consiglio comunale a Valdobbiadene, spicca il tema ambientale: dal malfunzionamento dell’ecocentro della frazione di Bigolino alle attività di pulizia sul territorio.

“Abbiamo presentato un’interrogazione sul decoro pubblico in termini di pulizia del territorio – spiega il capogruppo Simone Adami – e un’altra interrogazione sul tema dell’ecocentro di Bigolino, assolutamente insufficiente. La risposta dell’amministrazione comunale è confortante perché si parla di risorse sia per l’ampliamento dell’ecocentro sia per migliorare la pulizia del nostro Comune”.

“Spesso – conclude l’esponente della Civica Endimione – i cestini presenti nel territorio comunale sono stracolmi, anche per il comportamento incivile di alcuni giovani, soprattutto nella zona della stazione delle corriere ma non solo lì”.

Rispetto al tema dell’ecocentro di Bigolino, il sindaco Luciano Fregonese ha annunciato che verrà richiesta a Savno l’intensificazione degli svuotamenti dei container.

“Per quanto attiene ai problemi dimensionali e strutturali dell’ecocentro – si legge nella risposta del sindaco all’interrogazione -, questa amministrazione si è già attivata rappresentando a Savno la necessità di ampliare ed adeguare il centro autorizzato di raccolta dei rifiuti urbani, sito in via Val dei Faveri, al fine di risolvere alcune criticità legate alla viabilità interna e per agevolare i conferimenti da parte delle utenze, chiedendo di dar corso all’attività di progettazione definitiva per gli interventi in oggetto”.

Il primo cittadino di Valdobbiadene ha aggiunto che l’amministrazione comunale ha redatto un documento che prevede anche l’intervento di ampliamento e ammodernamento del Card in zona industriale Pontevecchio.

“L’intervento viene proposto nell’ambito del programma prioritario dell’amministrazione per la gestione dei rifiuti nelle varie missioni previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) – aggiunge – Il progetto definitivo in corso di stesura prevede una spesa di 600 mila euro di cui 481.166,81 euro per lavori e 118.833,19 euro per somme a disposizione”.

In merito allo svuotamento dei cestini e al miglioramento del servizio di pulizia stradale, invece, Fregonese ha sottolineato che da qualche mese è stato attivato un servizio integrativo per lo svuotamento dei cestini delle aree centrali con un doppio svuotamento settimanale e lo svuotamento dei 23 contenitori di mozziconi, distribuiti nel territorio comunale, installati in occasione della campagna “No mozziconi a terra”.

Il servizio integrativo è volto anche alla raccolta dei rifiuti abbandonati e viene svolto in collaborazione con la Polizia locale e il Servizio di vigilanza ambientale di Savno, che ha fornito 20 nuovi cestini posizionati sul territorio comunale a cura del personale operaio.

Non mancano i controlli con fototrappole, che sono passate da due a cinque, che vengono spostate in funzione delle segnalazioni nei luoghi nei quali si registra l’abbandono dei rifiuti.

Per quanto riguarda il problema degli ecovandali, infine, sono stati monitorati i siti che hanno maggiori criticità, quali esposizioni irregolari di contenitori e abbandoni frequenti.

Il report dei controlli parla di 86 sopralluoghi con l’affissione di 18 avvisi su contenitori esposti in modo irregolare; il monitoraggio mediante videocamere nei cimiteri ha prodotto 8 sanzioni nei confronti di 5 residenti e di un non residente da parte di Savno; il monitoraggio con accertamento diretto da parte degli agenti della Polizia locale ha prodotto 5 sanzioni tra abbandono ed errato conferimento.

(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati