Valdobbiadene, un ospedale di comunità con venti posti letto più la palestra: ieri l’annuncio del direttore generale Benazzi in consiglio comunale

Valdobbiadene avrà il suo ospedale di comunità con venti posti letto più la palestra: è questo il progetto dell’Ulss 2 Marca Trevigiana illustrato ieri dal direttore generale Francesco Benazzi durante il consiglio comunale di Valdobbiadene.

Il dottor Benazzi è intervenuto insieme al presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Ulss 2, Paola Roma, sindaco di Ponte di Piave, per rispondere ad alcuni quesiti e interrogazioni posti dai consiglieri comunali di minoranza, in particolare dal gruppo Valdo d’Italia e d’Europa, sui servizi socio-sanitari dell’ambito trevigiano e del distretto afferente a Valdobbiadene.

Il direttore generale dell’Ulss 2 Marca Trevigiana, tra le varie informazioni e comunicazioni date ai consiglieri comunali, ha annunciato che è stato trasmesso alla Regione il fabbisogno di investimenti attinenti al Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) in ambito sanitario nazionale.

Tra questi, Valdobbiadene ha un peso molto importante perché nella pianificazione sanitaria regionale avrà un ruolo significativo per l’incremento dei servizi sanitari territoriali a supporto degli ospedali.

Dopo mesi di intenso lavoro svolto dall’Ulss 2, in collaborazione con l’Ipab San Gregorio, l’amministrazione comunale di Valdobbiadene e la Regione, è stato prodotto un documento che sarà trasmesso alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

“In continuità con l’accordo di programma tra Ulss 2, Regione del Veneto, Ipab San Gregorio e Comune di Valdobbiadene – spiega il sindaco Luciano Fregonese -, accordo che prevede interventi di adeguamento sismico e impiantistico dei padiglioni Fabris e Piva e la demolizione del padiglione Geronazzo per realizzare un parcheggio da 150 posti auto, attrezzato in caso di calamità, con un investimento di 6,5 milioni di euro attualmente in fase di progettazione preliminare, i fondi del Pnrr richiesti costituiranno un addendum all’accordo di programma, prevedendo un importante intervento di demolizione del padiglione Degenze e la realizzazione di un nuovo edificio su 3/4 piani di circa 1.000 mq per piano”.

Il primo cittadino di Valdobbiadene ha sottolineato che, all’interno della struttura, potrà essere realizzato un ospedale di comunità (struttura intermedia tra gli ospedali e le case di riposo), una casa della comunità (con sale poliambulatoriali a servizio dell’ospedale di comunità e per la riorganizzazione e il potenziamento del distretto e sale per l’aggregazione funzionale dei medici di medicina generale) e un punto di primo intervento associato alla guardia medica e al servizio 118 (una sorta di pronto soccorso ‘leggero’ che riveste ruolo importante non solo per i residenti del distretto ma anche per i turisti e i visitatori).

Inoltre, sarà presente anche una Cot (Centrale operativa territoriale) all’interno della quale le strutture amministrativa e tecnica dell’Ulss 2 e dei Comuni potranno collaborare per collegare gli ospedali alle strutture socio-sanitarie territoriali.

In consiglio comunale era presente anche il presidente dell’Ipab San Gregorio, Alberto Prandin, che ha confermato l’impegno dell’ente per l’attivazione, nei prossimi mesi, della piscina riabilitativa presente all’interno della cittadella socio-sanitaria.

Il presidente Roma, invece, ha illustrato le numerose attività svolte dalla Conferenza dei Sindaci negli ultimi due anni grazie alla forte collaborazione tra i sindaci, l’Ulss 2 e la Regione.

Un lavoro che ha permesso di portare diverse istanze in quinta commissione regionale, preposta a trattare temi socio-sanitari, della quale fa parte anche il consigliere comunale e regionale Tommaso Razzolini, che conferma il grande lavoro svolto dalla Conferenza dei Sindaci della Marca Trevigiana e l’ottima collaborazione con la dottoressa Roma.

Grande la soddisfazione del sindaco Fregonese per il lavoro svolto in questi anni dal Comune, dell’Ipab San Gregorio, dall’Ulss 2 e dalla Regione: finalmente nei prossimi 5 anni si potrà vedere il completamento della riconversione dell’ex ospedale Guicciardini in una struttura socio-sanitaria all’interno della quale i cittadini potranno usufruire di importanti servizi sanitari territoriali.

(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
31
Shares
Articoli correlati