Vidor, ritorno di fiamma in una bombola utilizzata per cucinare: i Vigili del fuoco la “raffreddano”. Polizia locale e Avab chiudono le strade

Le temperature estive invitano la gente a cucinare all’aperto ma i rischi sono sempre dietro l’angolo: domenica, intorno all’ora di pranzo, è stato richiesto un intervento dei Vigili del fuoco di Montebelluna per una fiamma sprigionata da una bombola del gas utilizzata da alcune persone nell’area del Piazzale Capitello a Vidor.

Il sindaco Mario Bailo ha contattato anche i volontari dell’antincendio boschivo di Valdobbiadene, che si sono occupati della chiusura delle strade per agevolare le operazioni dei pompieri impegnati a mettere in sicurezza l’area.

“Io e il volontario Angelo Balbinot ci siamo recati sul posto intorno alle ore 13 – spiega Cristian Tessaro, presidente dell’Avab di Valdobbiadene – Angelo conosce bene le bombole e ha un locale rei (resistenza al fuoco) nel quale si possono mettere in sicurezza. Noi ci siamo occupati della chiusura delle strade insieme alla Polizia locale di Vidor”.

“I Vigili del fuoco ci hanno ringraziato per il supporto e per la tempestività dell’intervento – continua – Alcune persone stavano cucinando e c’è stato un ritorno di fiamma che ha fatto scattare immediatamente la valvola di sicurezza del fornello. A quel punto sono stati contattati i pompieri, che sono giunti con il caposquadra di Montebelluna. Bisogna sempre prestare attenzione a questo tipo di fornelli e utilizzarli in aree nelle quali non c’è una grande concentrazione di persone”.

“I Vigili del fuoco hanno raffreddato la bombola in sicurezza – conclude -. Dopo averla scaricata totalmente del gas, è stata riempita di acqua e poi consegnata ai proprietari dopo la bonifica. Ringrazio Angelo, che stava pranzando quando è stato chiamato, e complimenti ai Vigili del fuoco per l’operazione effettuata”.


(Foto: Avab Valdobbiadene).
Qdpnews.it

Total
12
Shares
Articoli correlati