Vidor, malumori per le vaccinazioni a singhiozzo nel nuovo centro ma il sindaco Bailo assicura: “Da lunedì a pieno regime”

Si sono spente sul nascere le polemiche nate in questi giorni per l’interruzione momentanea della somministrazione dei vaccini anti-Covid nel nuovo punto vaccinazioni di Vidor.

Operazioni, orchestrate dall’Ulss 2 Marca Trevigiana, partite ufficialmente nella giornata di martedì scorso, 23 marzo, con circa 700 vaccinazioni effettuate.

Mercoledì invece le attività di somministrazione sono state interrotte a causa della mancanza dei vaccini, attività che poi è ripartita ieri, giovedì 25 marzo, con quasi 800 vaccini effettuati.

Ora però il malumore tra qualche cittadino era emerso soprattutto per la chiusura anche di oggi oltre a sabato e domenica, ma qui il sindaco di Vidor, Mario Bailo, ha voluto subito far chiarezza: “Queste interruzioni si sono verificate per via della quantità di vaccini a disposizione, che ha fatto sì di tenere aperto il complesso martedì e giovedì“.

“Ma la gente non si deve preoccupare – assicura il primo cittadino -. Da lunedì si andrà avanti a regime senza interruzione, stando a quanto affermato dall’Ulss 2, ogni giorno compreso il lunedì di Pasqua“.

Ulss 2 che domenica 28 marzo sperimenterà una nuova modalità di vaccinazione, con accesso “libero” degli utenti a quattro Centri Vaccinali.

La sperimentazione riguarda solo i nati nel 1936, costituita da 4.795 persone distribuite uniformemente in tutto il territorio.

Le sedi vaccinali in cui avverrà la sperimentazione sono: il Cvp di Oderzo “Foro Boario”: per i residenti nei Comuni dell’area Opitergino-Mottense; il Cvp di Villorba “Bocciodromo”: per i residenti nei Comuni dell’area di Treviso; il Cvp di Godega Sant’Urbano “Campo Fiera”: per i residenti nei Comuni dell’ex Ulss; il Cvp di Riese Pio X “Centro Culturale Casa Riese”: per i residenti nei Comuni dell’ex Ulss 8

Di seguito l’elenco dei Comuni di riferimento dei quattro punti vaccinali sovraindicati: Comuni dell’area ex Ulss 8 (Asolo): Altivole – Asolo – Borso del Grappa – Caerano San Marco – Castelcucco – Castelfranco Veneto – Castello di Godego – Cavaso del Tomba – Cornuda – Crocetta del Montello – Fonte – Giavera del Montello – Loria – Maser – Monfumo – Montebelluna – Nervesa della Battaglia – Pieve del Grappa (ex Crespano del Grappa ed ex Paderno del Grappa) – Pederobba – Possagno – Resana – Riese Pio X – San Zenone degli Ezzelini – Segusino – Trevignano – Valdobbiadene – Vedelago – Vidor – Volpago del Montello; Comuni dell’area ex Ulss 7 (Pieve di Soligo): Cappella Maggiore – Cison di Valmarino – Codognè – Colle Umberto – Conegliano – Cordignano – Farra di Soligo – Follina – Fregona – Gaiarine – Godega Sant’Urbano – Mareno di Piave – Miane – Moriago della Battaglia – Orsago – Pieve di Soligo – Refrontolo – Revine Lago – San Fior – San Pietro di Feletto – San Vendemiano – Santa Lucia di Piave – Sarmede – Sernaglia della Battaglia – Susegana – Tarzo – Vazzola – Vittorio Veneto; Comuni dell’area di Treviso: Arcade – Breda di Piave – Carbonera – Casale sul Sile – Casier – Istrana – Maserada sul Piave – Mogliano Veneto – Monastier – Morgano – Paese –Ponzano Veneto – Povegliano – Preganziol – Quinto di Treviso – Roncade –   San Biagio di Callalta – Silea – Spresiano – Treviso – Villorba – Zenson di Piave – Zero Branco e infine i Comuni del’area Opitergino Mottense: Cessalto – Chiarano – Cimadolmo – Fontanelle – Gorgo al Monticano – Mansuè – Meduna di Livenza – Motta di Livenza – Oderzo – Ormelle – Ponte di Piave – Portobuffolè – San Polo di Piave – Salgareda.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Articoli correlati