Nuovi atti vandalici al Quadrilatero. La direttrice di Ascom scrive al prefetto: “Quel luogo va presidiato per l’incolumità dei cittadini”

dav

“Lunedì un passante, nel Quadrilatero, è stato sfiorato da una bottiglia di vetro lanciata con lo scopo di colpire la vetrina dell’Ottica Gianni, negoziante che martedì si è ritrovato con la vetrina imbrattata di un liquido appiccicoso tipo succo di frutta. Il passante come pure il mio associato si sono rivolti ai vigili i quali hanno ribadito che non possono fare nulla. Ora scriverò nuovamente al sindaco e per conoscenza al prefetto”.

Antonella Secchi, direttrice di Ascom Vittorio Veneto, dà voce all’esasperazione che regna tra i negozianti del Quadrilatero finiti nel bersaglio dei giovani, anche minori, che da tempo frequentano gli spazi che danno verso via Divisione Nannetti.

Presenze poco gradite, visti i passati atti vandalici, le scorribande in sella alle bici, le urla e la maleducazione. Una presenza che molti sostengono essere legata all’arrivo, ormai anni fa, di un bar self service in quello che era un negozio sfitto.

dav

Più volte denunciate, dopo un periodo di quiete coinciso con i momenti più critici della pandemia, ora queste frequentazioni sono riprese. E sono già stato oggetto, anche nei giorni scorsi, di segnalazioni alle forze dell’ordine, intervenute a fine maggio anche con controlli straordinari in centro città (qui l’articolo).

Questi atteggiamenti di delinquenza – afferma Secchi – vanno a discapito non solo dei negozianti, ma anche dei cittadini che si trovano a transitare. Per questo il Quadrilatero va presidiato per l’incolumità anche del cittadino comune. Se quel passante, che con quei ragazzi non centrava niente, veniva centrato alla testa dalla bottiglia, avrebbe potuto avere conseguenze gravi”.

(Foto: Ascom Vittorio Veneto).
#Qdpnews.it

Total
0
Shares
Articoli correlati